gio 07.12 2017 – dom 06.05 2018

Roberto Daolio. Vita e incontri di un critico d'arte attraverso le opere di una collezione non intenzionale

Dove

MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna
Via Don Minzoni 14, 40012 Bologna

Quando

giovedì 07 dicembre 2017 – domenica 06 maggio 2018

Quanto

€ 6/4

Sono molte le personalità che hanno attraverso e segnato il contesto artistico bolognese. Tra queste Roberto Daolio, critico d’arte, curatore e professore all’Accademia di Belle Arti di Bologna, è stato una figura centrale durante tutti gli anni Ottanta e Novanta attraverso la creazione di una rete di relazioni personali e professionali basata sulla centralità della passione per il contemporaneo. Un intreccio di personalità riflesso dalla mostra “Roberto Daolio. Vita e incontri di un critico d’arte attraverso le opere di una collezione non intenzionale” allestita negli spazi del MAMbo.
La sala bianca al piano superiore, che a partire da questa occasione ha preso il nome di “Project Room”, ospita parte della sua collezione privata, donata dagli eredi e dagli artisti con i quali ha collaborato, raccontando visivamente la vicenda biografica del curatore militante densa di dialoghi e scambi. Lavori perlopiù di piccolo formato e spesso accompagnate da una dedica che mette in luce gli interessi poliedrici di Daolio e la sua capacità di essere “catalizzatore” tra il mondo accademico, per lui luogo di ricerca, e quello dell’arte internazionale, in un percorso contiguo tra analisi teorica e attuazione pratica.
Osservando le opere esposte alle pareti e nelle teche di vetro l’attenzione si sposta dalla lineare storia delle forme e dei linguaggi alla complessità della nascita di un’opera d’arte svelandone i legami storici e personali che ne accompagnano l’origine, la realizzazione e l’esposizione. Si tratta di una retrospettiva costruita attraverso la resa pubblica di una raccolta privata i cui elementi da una parte, nel loro insieme, ricreano le tappe e i percorsi della ricerca e dell’attività di Daolio, e dall’altra mettono in luce il ruolo culturale del Museo nella sua funzione di mediatore e luogo di testimonianze.

Inaugurazione giovedì 7 dicembre 2017 h. 17.30.

Scritto da Guendalina Piselli