mar 10.07 2018

Electropark Exchanges: Jace Clayton feat. David Friend, Emily Manzo & Arooj Aftab

Dove

Teatro Franco Parenti
Via Pier Lombardo 14, 20135 Milano

Quando

martedì 10 luglio 2018
H 21:00

Quanto

€ 12 + d.p.

Contatti

Sito web

Organizzatore

Electropark

Quello con cui si chiude l’edizione di quest’anno di Electropark Exchanges è uno spettacolo creato nel 2013 da Jace Clayton (ai più noto come DJ/rupture) per reinterpretare e divulgare la figura di Julius Eastman, misconosciuto compositore statunitense morto prematuramente di stenti e in povertà assoluta nel 1990. Musicista tendente al minimalismo, pianista e vocalist, Eastman è stato un personaggio dichiaratamente “scomodo”, come testimoniano i titoli delle due opere prese in esame da Clayton questa sera, “Evil Nigger” e “Gay Guerrilla”. Dimenticato per oltre 15 anni (basti pensare che la notizia della sua scomparsa divenne di dominio pubblico dopo mesi), il suo nome tornò alla ribalta prima nel 2005 con la tardiva stampa di “Unjust Malaise” (per New World), monumentale quasi-opera omnia che racchiude le sue composizioni più importanti per una durata di oltre tre ore; poi nel 2013, grazie a questo spettacolo in cui le due composizioni di cui sopra vengono suonate dai pianisti David Friend e Emily Manzo e (rispettosamente) riprocessate dagli interventi di Clayton al laptop. Ripeto le coordinate dell’album fondamentale di Julius Eastman perchè dopo un concerto incentrato su musiche di questo livello vorrete sicuramente comprarlo: “Unjust Malaise” (New World, 2005).
Giocondo Scelgo

VINCI CON ZERO

Zero ed Electropark Exchanges ti mandano gratis al concerto di Jace Clayton feat. David Friend, Emily Manzo & Arooj Aftab. Per partecipare, basta mandare una e-mail a contest@edizionizero.com specificando la città e l’evento di riferimento nell’oggetto e il proprio nome e cognome nel corpo dell’e-mail. I due vincitori saranno estratti tra tutti coloro che avranno partecipato entro il 9 luglio e saranno gli unici a ricevere una risposta via e-mail.

Scritto da Giada Biaggi