sab 22.09 2018 – dom 23.09 2018

Quando

sabato 22 settembre 2018 – domenica 23 settembre 2018

Quanto

free

Di Zona K abbiamo già parlato tante volte: sarà perché si tratta di un esempio virtuoso di factory culturale, sarà perché il team guidato da Valentina Picariello e Valentina Kastlunger è unico (a cominciare dal fatto che è composto da sole donne), sarà perché il luogo che hanno scelto di abitare è da qualche anno al centro del rinnovamento della città.

Certo, non possiamo evitare di tornare a parlarne pochi giorni prima dell’inizio della nuova edizione di Isola Kult (sabato 22 e domenica 23 settembre), appuntamento che a partire dal 2013 Zona K ha inventato e condiviso proprio con il quartiere che la ospita. La formula è semplice, ma solo apparentemente: dare vita ad un festival dedicato alla cultura urbana, una manifestazione partecipata – interamente ideata e condotta dalle associazioni attive nel quartiere – grazie ad un’operazione di ‘networking’ che mette in risalto un’altra qualità invidiabile delle nostre K (vera eccezione in un ambiente di soggetti generalmente ossessionati dal proprio ombelico).

Il festival è ovviamente eterogeneo nell’offerta, con attività (gran parte delle quali a ingresso gratuito su prenotazione) capaci di coinvolgere bambini e adulti in una due giorni di cinema, musica, teatro, libri, arte, cibo, danza.

Si inizia presto sabato mattina alle 8.30 alla Stecca con il Verziere Bio, mercato contadino dedicato all’agricoltura biologica, per proseguire con laboratori, conferenze, concerti e performance fino al tardo pomeriggio di domenica, con il concerto di chiusura delle mondine modenesi alla Casa della Memoria in Via Confalonieri. Tra le mie (personalissime) segnalazioni: la performance per voce e pianoforte Del tempo sottratto, a Isolacasateatro sabato alle 19.00, perché scritta (e interpretata al pianoforte, insieme alla voce di Erika Carretta) da Paolo Ferrari, autore che vale la pena conoscere; la mostra (che comprende libri, film, locandine, manifesti e musiche dei film) dedicata a Claudia Cardinale, perché la amo appassionatamente (alla Kasa dei libri sabato dalle 15.00 alle 19.00); l’aperitivo Shhh! Il cibo racconta a cura di Paola Sechi (c/o Albero della Creatività di Via Farini, sabato dalle 18.30), perché nella febbre del fooding che ci consuma è sempre bene ricordare che il cibo non è solo apparenza, ma prima di tutto cura e sostanza. Il programma completo degli appuntamenti è scaricabile qui

Scritto da Matteo Torterolo