gio 12.09 2019 – dom 15.09 2019

Resilienze Festival 2019

Dove

Serre dei Giardini Margherita
Via Castiglione 134, Bologna

Quando

giovedì 12 settembre 2019 – domenica 15 settembre 2019

Quanto

free

Contatti

Sito web

C’è un solo modo di affrontare le grandi rivoluzioni della crisi climatica: cambiare radicalmente il nostro modo di vivere, produrre, consumare. Un’affermazione che suona a molti come una minaccia, ma che invece riguarda il recupero di diritti fondamentali delegati per troppo tempo a una cieca fede nei progressi dell’industria. Promuovere e comunicare idee di cambiamento è la sfida dei prossimi anni e – in un piccolo non troppo piccolo – di Resilienze, il festival che da giovedì 12 a domenica 15 settembre torna alle Serre dei Giardini Margherita per parlare delle grandi trasformazioni planetarie interrogando artisti, attivisti, esperti, scrittori e sognatori radicati e radicali. Radicati perché partono dal proprio territorio per misurare l’impatto del proprio agire; radicali poiché non hanno paura di immaginare un mondo totalmente nuovo.

Attorno a questi due modi di essere ruota un programma ricco di incontri, workshop, concerti, proiezioni e performance che racconta un mondo di prospettive, di lotte, di pratiche e utopie verso il cambiamento.

Esistono davvero tecnologie “verdi” in grado di affrontare la crisi climatica? Quale agricoltura per tutelare le risorse, la biodiversità e generare sviluppo economico? Come difendere il diritto all’accesso alle risorse naturali? Di questo e molto altro potremo interrogarci con i numerosi ospiti invitati a portare il proprio contributo a una discussione cruciale per il nostro futuro.

L’arte è anche quest’anno la protagonista del festival a partire dalle installazioni del collettivo Antonello Ghezzi: T’Oracolo è un lavoro interattivo dove ognuno può trovare una risposta alle proprie domande nel tentativo di creare una coscienza collettiva condivisa; Shooting Stars l’installazione sonora che permette di ascoltare il suono delle stelle cadenti che verrà presentata con un live del compositore bolognese Valerio Maiolo (13 settembre, h 23.30).

Radicale il lavoro teatrale sulla Resistenza e la liberazione proposta da Ateliersi con GAP!, il viaggio tra musica e poesia di ​Massimo Zamboni, la voce di John De Leo​, ​accompagnato da ​Massimo Ottoni; radicata è la musica della Banda del comitato​ (di cui fa parte anche la regista ​Alice Rochwacher) e radicate sono le affissioni di ​Cheap che porta sulle bacheche di via Irnerio il progetto curato da Dario Carta e Stefano Reboli UDHR – posters for Human Rights.

Il fotoreporter Fausto Podavini, due volte vincitore del World Press Photo, ci racconterà il progetto Omo Change, documento dei grandi cambiamenti ambientali e sociali nella valle dell’Omo e sul lago Turkana in Kenya, a seguito della costruzione della Gibe III, la più alta diga di tutta l’Africa; Michele Lapini presenterà Antropocene, un long- term project fotografico di indagine e documentazione sulle cause e sugli effetti del cambiamento climatico in Italia; Alessandro Cinque ci porterà con i suoi scatti a Espinar, nella regione peruviana di Cusco, parte del corridoio minerario che si stima fornisca il 40% della produzione nazionale di rame.

Il fotografo James Balog, una tra le principali voci dell’ambientalismo mondiale, è invece il protagonista del documentario di Matthew Testa The Human Element; si chiude infine con Watermark, film di Edward Burtynsky e Jennifer Baichwal (già autori della mostra del MAST Anthropocene) che parla di acqua come fonte di vita sotto ogni punto di vista: biologico, geografico, storico, economico, sociale e spirituale.

Oltre a conoscere, però, bisognerà anche imparare a fare e in questa prospettiva si inseriscono i workshop del 15 settembre dove si potrà imparare a ricamare sulla plastica con l’artista francese AnaÏs Beaulieu (gratis, resilienze@kilowatt.bo.it); costruire un impianto di acquaponica (€ 30, info@aquaponicdesign.it); ascoltare tutto ciò che si può ascoltare in qualsiasi momento con un corso sull’Ascolto Profondo tenuto da Anne Bourne (€ 20, gaspare@kilowatt.bo.it), allieva diretta della compositrice Pauline Oliveros, che sarà poi live con Silvia Tarozzi.

IL PROGRAMMA COMPLETO QUI

 

Scritto da Salvatore Papa

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.