ven 18.10 2019

Julie's Haircut + Laura Agnusdei + S A R R A M

Dove

Spazio211
Via F. Cigna 211, 10155 Torino

Chi

  • Julie's Haircut

Quando

venerdì 18 ottobre 2019
H 21:00

Quanto

€ 10 + d.p.

Foto di Ilaria Magliocchetti

Immaginate una linea che parte da John Coltrane e arriva agli Orb. Una linea tutt’altro che retta. Deviata, piuttosto, dal sax infuocato degli Stooges di “Fun House” e dalla fusione elettrica di Miles Davis (A.D. 1970), che ruota con moto circolare attorno al 1971 e alla Colonia acida dei Can, per poi schizzare nel cosmo e piombare giù, a capofitto, in una colata di feedback ed estasi dalle parti delle West Midlands. Le strade (e le forme) della psichedelia sono infinite, ed è per questo che dal free jazz alle sperimentazioni avant, dalla musica nera al krautrock è lecito aspettarsi di tutto da una band che, in questa sede, vi spacceremo come “psichedelica”. Lo sa bene la fida Rocket Recordings, etichetta inglese che da oltre quindici anni sta rinnovando e scovando notevoli incesti psych del Vecchio Continente – sempre con un occhio attento a ciò che accade in Italia.

E lo sanno bene pure i Julie’s Haircut, quintetto (oggi sestetto, con l’aggiunta del sax di Laura Agnusdei) che dell’attitudine “libera” della psichedelia ha fatto un metodo fin da tempi non sospetti – quando, per intenderci, Sonic Boom non faceva più di trenta paganti in Italia. Dopo le meditazioni elettroniche e dilatate di “Ashram Equinox” e il suono più irruento e percussivo del successivo “Invocation and Ritual Dance of My Demon Twin”, la band emiliana torna con un altro album su Rocket Recordings, “In The Silence Electric”. C’è da scommettere che anche stavolta, sul palco, spaccheranno di brutto. Arrivate presto per ascoltare il sax cosmico della Agnusdei in versione da solista (e con il nuovo album “Laurisilva”) e S A R R A M, progetto solista di matrice drone/ambient in cui convivono elementi di natura doom, noise, postrock del sardo Valerio Marras.

Scritto da Chiara Colli