sab 11.06 2016

Handmade Festival 2016

Dove

Via Bonazza 55 c/o Località Tagliata
Via Bonazza 55, Guastalla

Quando

sabato 11 giugno 2016
H 11:00 - 03:00

Quanto

up to you

Contatti

Sito web

Con

THE WAVE PICTURES / GIRLS NAMES / KING DUDE / DIRTY FENCES / GEOFF FARINA / MILES COOPER SEATON / FUZZ ORCHESTRA / REDWORMS’ FARM / HIS CLANCYNESS / SLOW STEVE / OF THE WAND & THE MOON / ANY OTHER / KRANO / ORA COGAN / MAI MAI MAI / SEQUOYAH TIGER / GIUNGLA / HALLELUJAH! / CACAO / IN.VERSIONE CLOTINSKY / GOODBYE HORSES / QLOWSKI

Handmade è una matrioska che si apre nel bel mezzo di un campo nella Bassa reggiana, un festival pulsante di musica altra e al contempo una piccola e fiera celebrazione del microcosmo delle auto-produzioni, un circuito intermittente di carillon che si accendono e spengono con precisione svizzera lungo tutto il perimetro della manifestazione, segnando il ritmo alla meraviglia. Il programma di questa nona edizione vede una folta schiera di banchetti che vanno dal cibo fatto a mano alla micro-editoria e alle produzioni musicali indipendenti, pronti a respirare in simbiosi con una line-up che invita all’esplorazione del fenomeno del rock and roll nelle sue esternazioni più distanti e finanche oscure. Ci troverete di tutto, con chicche varie e sparse tra artisti emergenti e solide certezze, tra cui quel mattacchione di King Dude, accompagnato per l’occasione da :Of The Wand & The Moon in un matrimonio nerissimo nel segno del neo-folk, il paladino dell’Italian Occult Psychedelia Mai Mai Mai e le sue frequenze oppressive, amplificate dal fermento di questi giorni innescato dall’ordinanza di chiusura nei confronti del circolo dalVerme di Roma, e ancora il post-punk degli irlandesi Girl Names, il power pop in salsa glam dei newyorkesi Dirty Fences e Miles Cooper Seaton degli akron/family, fresco di pubblicazione su Vaggimal Dischi e Trovarobato, con un album che è tra i best pick del mese su tutte le riviste di settore. Consultate il sito ufficiale per gli orari, le sorprese sembrano destinate a non finire qui. E’ tutto fatto a mano e l’ingresso è addirittura a offerta libera… tra tutti gli eventi e i concerti che affollano il cartellone della regione per la prossima estate, uno tra i più vicini a raggiungere la dimensione del culto.

Scritto da Antonio Polimeni