sab 28.01 2017 – sab 18.03 2017

Irma Blank: Life Line

Dove

P420
Via Azzo Gardino 9, 40121 Bologna

Quando

sabato 28 gennaio 2017 – sabato 18 marzo 2017

Quanto

free

In mostra la personale dell’artista. Inaugurazione sabato 28 gennaio dalle ore 18.30

Tedesca di nascita ma trasferitasi in Italia alla fine degli anni ‘50, Irma Blank vive e lavora a Milano. Eredita dalle avanguardie, e soprattutto dalle neo avanguardie di metà del secolo scorso, il bisogno di rapportare l’arte alla vita. Questo criterio di misurazione si palesa in Irma Blank dalla fine degli anni ’60 sotto forma di silenziosa dedizione ascetica, l’artista fa della scrittura un filo sul quale tramare e raccontare una lunga esperienza che risiede nel gesto.
Tutto il lavoro di Blank è attraversato da una dialettica tra scrittura e disegno, scrittura e pittura. Carta, tela, tavola, libro sono le superfici su cui si crea e si struttura il rapporto tra segno e tempo; inchiostro, china, penna a sfera, acquerello, olio e acrilico gli strumenti che Blank sceglie per creare il corpo dell’opera.

Sebbene si serva sempre di modalità diverse, il riferimento alla scrittura e allo spazio del libro sono costanti nelle opere dell’artista, fin dalle prime serie di lavori; una scrittura che si fa universale, che non si legge ma si guarda. La sua pittura si fa lettura, e la scrittura immagine. Un’architettura del non detto e dell’interstizio. Protagonista della mostra è la serie dei Radical Writings (dai primi anni ’80 fino agli anni ’90) con cui Irma Blank rende ancora più astratto il suo segno rispetto ai cicli precedenti e più chiaro il rapporto che questo intrattiene con il tempo. I lunghi segni scritturali di colore (prima rosa-violetto, poi blu), dati a pennello sulla tela, sono lineari e uniformi. Dipinge, letteralmente, “tutto d’un fiato”, con assoluta concentrazione, senza incertezze. Scrivere è respirare, dipingere è respirare, lavorare è vivere. Ogni traccia, infatti, equivale alla lunghezza del respiro, da sinistra a destra, dall’inizio alla fine, dal pieno al vuoto. Un segno in piena tensione. All’inizio del segno il colore è più marcato e va via via alleggerendosi mano a mano che il segno procede, generando al centro del quadro una zona d’ombra, che rimanda allo spazio del libro. Qui scrittura e pittura si fondono nella continuità di un segno-tempo.

Scritto da Salvatore Papa