Superficiale

Zero qui: Invia una cartolina al suo peggior nemico.

Contatti

Superficiale Via Sansovino, 1
Milano

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 12–15:30 , 19–00
  • mercoledi 12–15:30 , 19–00
  • giovedi 12–15:30 , 19–00
  • venerdi 12–15:30 , 19–00
  • sabato 12–15:30 , 19–00
  • domenica 14–18

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Martina Di Iorio il 30 maggio 2019
Aggiornato il 13 giugno 2019

Cesare Marretti lo devo ringraziare per avermi sfamato con classe per tutta l’Università a Bologna, dove possiede alcuni ristoranti. L’estroso chef toscano è sicuramente sinonimo di piatti gourmet, freschi, biologici e stagionali, senza eccedere in prezzi rocamboleschi, stravaganza e tante idee sempre in movimento. Superficiale è il suo primo locale a Milano, vicino al Bar Basso. Il tocco istrionico e pittoresco di Cesare è dappertutto. Cura in prima persona la riqualificazione di questo ex cinema, mantenendo alcuni particolari come gli stucchi alle pareti, il grande camino, i lampadari di modernariato.

Eclettico, vintage senza stancare e curato in ogni dettaglio, entrando qui si ha l’impressione di stare nel salotto chic della zia per bene. E ci piace. La forza di Marretti e dei suoi locali è proprio la formula con cui approcciarsi alla sua cucina. Prezzo fisso, menu a sorpresa diviso tra carne, pesce e vegetariano. A pranzo si può mangiare con 15 euro; a cena 3 portate 30 € mentre se si ha voglia di scoprire di più la cucina dello chef si possono ordinare 5 portate a 40 €. La domenica invece del brunch c’è l’hangover con la cucina aperta dalle 14 alle 18 (meno male).

Tutti gli ingredienti sono stagionali, coltivati nell’orto di Cesare; la farina è di tipo saragolla – con cui impasta una focaccia da overdose e la pasta – e proviene dai suoi campi in Sicilia. Mangiamo comodamente seduti su poltrone di velluto e la successione ci piace e convince: merluzzo sui crema di piselli novelli, raviolo di astice e la sua bisque, gambari rossi crudi con gazpacho, asparagi e fragole, orata e melanzana.

La ciliegina sulla torta? A fine cena vi verrà data una cartolina a testa che potete riempire con insulti, messaggi d’amore, di scuse a chi volete voi, indicando l’indirizzo. I ragazzi di Cesare ogni mattina si preoccuperanno di imbucarla per farla arrivare a destinazione. Io ne ho spedite tre. Nessuna d’amore.