Balera Favela: chi suona, cosa suona e come suona

Tutto quello che c'è da sapere sulla nuova serata dai ritmi globali che fanno muovere natiche e non solo

mde

Scritto da Emanuele Zagor Treppiedi il 13 settembre 2017

Se pensate che oltre alla dancehall c’è di più e che un po’ ha rotto il cazzo, avete ragione e siete dei nostri. Dello stesso parere sono i ragazzi di Balera Favela: Ckrono, Go Dugong, prp e Marcello Farno. Animati da grande voglia di far festa (ce l’hanno nel DNA) e da curiosità musicale ad aprile hanno iniziato a organizzare una nuova serata che, se non ha rimesso in gioco la geografica del clubbing milanese, ha quanto meno arricchito l’offerta (e dici poco!). Balera Favela è una nuova serata mensile, che vi aspetta questo sabato 16 settembre dal sound meticcio/bastardo, contaminato di suoni e di culture vicine e lontane. Qui di seguito vi raccontiamo com’è nata, a cosa si ispira e come suona.

Com’è nata Balera Favela?
Balera Favela è nata dall’incontro di tre dj/producer, Ckrono, Go Dugong e prp (assieme a Marcello Farno che segue tutto il dietro le quinte del progetto). Siamo appassionati, ognuno in una sua maniera peculiare, di quella che volgarmente viene definita “global world music”, e da diverso tempo nei nostri percorsi personali guardiamo a questi suoni filtrandoli con quello che è il nostro bagaglio di sensibilità. Abbiamo così deciso di trasportare tutto questo in una festa che fosse l’incontro di questi sapori, una serata in cui ritmi diversi si incrociano generando a loro volta qualcosa di completamente unico ed originale, indefinito.

Siete mai stati in una balera?
Certo che sì! Tutti noi siamo cresciuti in degli ambienti in cui nonni, zii e genitori si trovavano periodicamente per ballare, che siano le balere del nord o i saloni da ballo del sud. Quello che ci ha sempre colpiti è, se ci concedi il romanticismo, la spontaneità che un’esperienza come quella della balera era, ed è ancora, in grado di offrire. In un certo senso il nome vuole essere anche un omaggio a questo approccio “libero”, che ci piace poi riscontrare nelle nostre feste.

I dj di Balera Favela Ckrono, Go Dugong e prp, in ombra nel buio si vede anche Marcello
I dj di Balera Favela Ckrono, Go Dugong, prp in ombra nel buio si vede anche Marcello
E in una favela?
Qualcosa di simile. Però è solo un gioco di parole, non vogliamo assolutamente appropriarci dell’identità di qualcosa che non è nostro.

Che mondo sonoro esplorate durante Balera Favela?
Musica che si muove in maniera bidirezionale, che non conosce confine e possiede una fitta rete di influenze. Per farti degli esempi pratici, puoi trovare la musica africana che cerca di fare l’elettronica e poi l’elettronica nord-europea che tende all’Africa. Esploriamo una gamma di suono veramente molto ampia, le contaminazioni sono così vaste ci permettono di muoverci lungo i diversi confini, senza avere il timore in qualche modo di smarrirci.

Quando avete iniziato ad appassionarvi a queste sonorità?
Ognuno ha avuto il suo momento e il suo background di ricerca ed esperienza. C’è chi sono ormai diversi anni, chi da meno. Dal momento che siamo un team si tira una bella linea e si comincia un percorso assieme, sia umano che artistico. È una cosa bellissima e molto stimolante. Balera Favela nasce nell’aprile 2017 solo come party ma l’obiettivo è di diventare qualcosa di più, magari un progetto musicale a sè stante.

Come mai avete scelto il Bar Doria per questa serata?
Semplicemente perché è il posto più bello di Milano.

COME SUONA BALERA FAVELA

– MC Fioti – Bum Bum Tam Tam

E’ ormai il nuovo tormentone Baile Funk. Remixato in tutte le salse, questa hit di MC Fioti ci ha (quasi) fatto dimenticare “Baile de Favela”. Sarà tutta colpa del flauto traverso? O del BumBum TamTam? MUST.

– Cardi B – Bodak Yellow (Uproot Andy remix)

La ex stripper più ricca del mondo si è rivelata essere più BAD dei Migos e ora come ora la hit che ha sostituito “Bad & Bogie” è la sua “Bodak Yellow”. Da noi in Balera Favela sentirete principalmente questa hit remixata da Uproot Andy. TWERK DURO.

– French Fries ft. Taiwan – Laquisha

Ormai dovreste sapere che anche il Messico è rappresentato nella Balera Favela e anche se questa produzione è francese, non c’è una hit 3ball che smuova culi, gambe e cuore più di questa. ROMANTICAMENTE BANGER.

– MHD – Afro Trap pt. 7 (La Puissance)

Il king dell’Afro Trap continua a raccogliere milioni di views grazie alle sue perle (siamo ormai a 9), ma la nostra preferita rimane sempre questa. DAB e GUN FINGA e sei direttamente su un Uber a Parigi. BANLIEUE.

– Elias Rahbani – Dance of Maria

Grazie ad una usb scambiata sapientemente a Dubai arriva direttamente dal 1974 questa hit di Elias Rahbani. Quando parte la zurna il corpo e la mente trasmigrano in quello di una ballerina del ventre e non è possibile non imitare quantomeno il movimento del bacino. BURQA DI GUCCI.