Don’t Panic: ZERO ti assiste

In tanti ti stanno dicendo cosa non fare a causa del Coronavirus, noi ti diciamo cosa puoi fare

Scritto da Simone Muzza il 25 febbraio 2020
Aggiornato il 17 marzo 2020

ZERO è una guida al divertimento in città: dal 1996 ti dice dove andare a ballare, ascoltare concerti, visitare mostre, bar, ristoranti, musei, gallerie; da sempre siamo i primi fruitori degli eventi e dei luoghi di cui parliamo, per cui sarà un periodo molto difficile per noi. Scuole chiuse, come i bar dopo le 18 – scelta poi revocata con però il divieto di stare al bancone (…) -, le società sportive, le piscine, le palestre, gli stadi. Supermercati aperti (e inizialmente saccheggiati). Ristoranti aperti, ma vuoti. Mezzi pubblici funzionanti e deserti. Le scelte del Ministero della Salute, unite a un comprensibile timore dei cittadini su ciò che nessuno conosce con certezza, ovvero la gravità e le reali conseguenze del Coronavirus, stanno creando il panico. Girando per Milano la prima settimana dall’entrata in vigore delle limitazioni in tutta la Lombardia, l’atmosfera non è delle migliori: poca gente in giro a parte che nei supermercati, molte mascherine, cartelli sulle porte dei negozi e dei locali che cercano di rassicurare sui sistemi di pulizia dell’aria e del locale stesso, una sensazione da fine del mondo davvero poco confortante.

No, non vogliamo sminuire il Coronavirus, né essere superficiali: rispettiamo le paure di tutti e sappiamo che il virus può colpire chiunque e anche uccidere chi ha problemi di salute; siamo anche consapevoli che uno dei problemi presi in considerazione è la minaccia che si ammalino contemporaneamente tantissime persone, con tutte le criticità del caso; tuttavia non vogliamo che Milano diventi una città fantasma per una, due, chissà quante settimane o mesi, con tutte le conseguenze economiche, politiche e sociali del caso.

Siamo tuttavia certi che, rispettando le precauzioni del Ministero, uscire qualche ora al giorno faccia bene, mentre stare a casa 24/7 sia deleterio alla salute, fisica e mentale.
In tanti ci stanno dicendo cosa non fare, noi abbiamo pensato di dirti cosa puoi fare: a casa se non te la senti di uscire – dai personal trainer da seguire per restare in forma mentre ti sfondi di patatine e videogiochi alla lista della spesa per sopravvivere, oltre naturalmente ai migliori eventi di marzo quando ci auguriamo sarà tutto finito – e in giro se sei più audace – dai bar dove bersi un aperitivo di giorno ai luoghi dove puoi andare a passeggiare, correre, giocare a calcio e perché no? a golf, tanto per fare degli esempi.

E, alla fine di tutto, quando il Coronavirus sarà solo un ricordo, usciremo a festeggiare.
Seguici e ricorda: #zeropanico.

Contenuto pubblicato su ZeroMilano - 2020-03-01

Ad could not be loaded.
Ad could not be loaded.