Ouverture: la Filarmonica della Scala invade i cortili della città

Dal 26 al 28 giugno, un omaggio a Milano con tre giorni di concerti gratuiti

Scritto da La Redazione il 19 giugno 2020
Aggiornato il 22 giugno 2020

E pur (qualcosa) si muove. Con un approccio che torna a valorizzare una delle caratteristiche più amate della città – ovvero i suoi cortili nascosti – per l’ultimo weekend di giugno, la Filarmonica della Scala annuncia una serie di concerti in contemporanea gratuiti, diffusi tra luoghi pubblici e privati di Milano. Dal Chiostro dell’Università Statale a Casa Jannacci, da Casa Atellani a Mare Culturale Urbano, con “Ouverture – la Filarmonica nei cortili” prenderà forma un ciclo di ventiquattro appuntamenti che riunirà idealmente l’intera orchestra, ogni sera per tre sere da venerdì 26 a domenica 28 alle 19.30, in un grande concerto diffuso con otto formazioni diverse in otto cortili della città. Concerti per piccoli ensemble, in contemporanea e all’aperto che mettono in pratica un tipo di strategia attualmente sostenibile almeno in termini di misure di sicurezza e nell’ottica di tornare a far circolare la musica dal vivo in città (con i musicisti della Filarmonica che si esibiranno, peraltro, gratuitamente).

La Filarmonica nei cortili © Hanninen
La Filarmonica nei cortili © Hanninen

Dal centro alla periferia, dai cortili storici alle realtà di aggregazione sociale, il progetto abbraccia tanti luoghi simbolo della città. Il Chiostro della Università Statale, Casa Jannacci, Casa Atellani, il Chiostro delle Umiliate, Mare Culturale Urbano, il Chiostro dei Salesiani di via Copernico, il Chiostro della Certosa di via Garegnano e Villa Litta Modigliani: la musica trova spazio tra i tesori della Milano nascosta, quella delle corti interne, delle ville liberty, dei palazzi storici che ne raccontano la storia. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti con prenotazione nominale obbligatoria effettuabile su questo sito a partire da martedì 23 giugno. I concerti avranno durata di circa un’ora senza intervallo. Il pubblico potrà accedere nel rispetto del protocollo sanitario che prevede il contingentamento e il distanziamento delle sedute, la misurazione della temperatura corporea, la verifica dei dispositivi di protezione con personale preposto.

QUI tutto il programma con la divisione anche per orari e cortili.