Un po’ di storia: da dove viene e che cos’è il whiskey, il distillato più bevuto al mondo.

Dalle prime distillerie fino ai giorni nostri: piccoli sorsi di storia di uno dei distillati più apprezzati di sempre.

Scritto da Martina Di Iorio il 16 marzo 2018
Aggiornato il 3 aprile 2018

Parli di whiskey e subito la mente parte per territori lontani. Facendo un gioco di libere associazioni, senza dubbio le parole che vengono fuori sono: folk, pianure sterminate, vita spericolata e sogni nel cassetto. Il whiskey infatti è anche tutto ciò, prima di essere un distillato tra i più antichi e conosciuti al mondo. Chiamato whisky in Scozia (scotch), Canada (Canadian) e pure Giappone (Japan), whiskey in Irlanda (Irish) e Stati Uniti (Bourbon, Tennessee, Rye, Corn), il distillato di cereali amico delle nostre serate più spensierate è ottenuto dopo processi di macerazione, fermentazione, distillazione e invecchiamento con peculiarità diverse da paese a paese. Per esempio, in Irlanda, la distillazione avviene per ben tre volte e questo conferisce al prodotto una rotondità e morbidezza maggiore rispetto ai cugini scozzesi, che amano anche i torbati. Lo sa bene Jameson Irish Whiskey che dal 1780 per differenziarsi dagli scozzesi propone un distillato più morbido, più facile d’apprezzare e dalla forte identità. E così distilla per ben tre volte il proprio prodotto per conferirgli una doppia morbidezza. Non a caso è un whiskey che invecchia per quattro anni in botti di quercia che hanno contenuto bourbon o sherry, per donargli successivamente ulteriori sentori vanigliati e dolci. Un Dio pagano venerato in tutto il mondo, il whiskey è icona senza tempo e senza mezze misure.

La vecchia distilleria di Jameson Irish Whiskey
La vecchia distilleria di Jameson Irish Whiskey

Poco importa la paternità di questo “oro giallo”, anche se tradizionalmente si fa risalire la prima distillazione al Santo Patrono Irlandese: Saint Patrick che ogni anno viene celebrato da milioni di persone in tutto il mondo, alzando i bicchieri e tingendo le strade di verde. Il whiskey sopravvive a guerre di indipendenza, proibizionismo e rivoluzioni di ogni genere per giungere fino ai giorni nostri con le sue storie, aneddoti e tradizioni tramandate di generazione in generazione. Come in Jameson, a partire dal suo capostipite John Jameson che acquistò una distilleria a Dublino fino a diventare il brand più venduto al mondo. Liscio, con ghiaccio o in miscelazione, ogni sorso di whiskey è un sorso di storia.