La nuova drink list estiva del Pinch – Spirits & Kitchen

I cocktail estivi di Mattia Lissoni & Co. per affrontare la stagione sui Navigli

Scritto da Giada Biaggi il 23 maggio 2017
Aggiornato il 28 marzo 2018

Estate. È dove accadono le cose. Il sole che scende caldo lungo il Naviglio, i profumi delle siepi in fiore, il colore del cielo al tramonto sono gli ingredienti giusti per accendere le serate milanesi. E quando l’estate chiama, il Pinch risponde. La nuova lista, ad opera di Mattia Lissoni, Fabio Brugnolaro ed Erik Viola, è pronta a rinfrescare tutti i palati della città e alleviare dalle fatiche che il caldo ci impone.

Una drink list diversa dalle precedenti, il cui filo conduttore è l’energia dei sapori freschi, delle essenze e della frutta. Dodici cocktail tonificanti e beverini, pensati e studiati per riuscire a stare senza condizionatore in orario aperitivo, cena e post-cena.

Assaggiamo prima le creazioni di Mattia Lissoni.

Melonbarber

Primo giro di Melonbarber. Lime, sciroppo di agave, centrifugato di melone, Tequila Espolon e centrifugato di rabarbaro. Incontra tutti i gusti, rinfresca con le sue note agrumate e morbide. Al palato un sapore agrodolce, adatto per accompagnare i primi caldi.

Curculizia

Secondo giro con Cucurlizia. Scotch Whiskey invecchiato dieci anni, succo di arancia, liquore alla liquirizia, centrifugato di curcuma, zucchero e angostura bitter. Se un tempo erano i liquori a favorire la digestione, adesso sono i cocktail. Sì, perché Cucurlizia è il drink speziato dal sapore deciso che ci aiuta a mandare giù qualsiasi pietanza pesante grazie al duo liquirizia e whiskey scozzese, fra le migliori pozioni ad alleviare dal senso di pesantezza.

Passiamo alle preparazioni “omeopatiche” di Erik Viola.

Salty Candy

Terzo giro con Salty Candy, un cocktail doppia faccia. Rum Plantation 3Stars, Tisana Karma, Miele, Orange Bitter, Top di sherry secco sono gli ingredienti che saziano la voglia di dolce, spiegandosi in un finale asciutto e secco.

Floralis

Quarto giro, Floralis. Il re dei drink della lista. Omeopatico, curativo, si compone di Mezcal, succo di pompelmo, sciroppo di agave, tisana ai fiori e radici misti. Decisamente il cocktail che ho preferito all’assaggio. La tisana è un mix di spezie quali semi di genziana, tarassaco e coriandolo. Riposa una settimana in bottiglia per fare in modo che gli ingredienti si amalgamino fra loro. Bravo Erik, ci hai depurato: saremo in forma per tutta l’estate.
Ma non c’è estate che si rispetti senza mangiare un gelato. Vi sorprenderà sapere che, un gelato, lo si può anche bere. Amareno – Bourbon, liquore alla vaniglia, succo di cranberry, servito con guarnizione di glassa all’amarena – ci porta dritti sotto l’ombrellone, richiamando l’idea del croccantino, il classico gelato che ricorda i castelli di sabbia e il juke box del lido dei gabbiani.

E mentre Fabio Brugnolaro fugge dall’altra parte del mondo, il suo allievo migliore, Antonio, si allena sui cocktail del suo maestro, facendo assaggiare le note orientali e marine della lista.

Maremoto San

Tocca a Maremoto San: lime, zucchero, palm nut, angostura, gin, aloe vera, alga kobe. Un gin sour di ispirazione orientale con nocciole di palma che, shakerate, regalano il retrogusto dolce che si sente dopo il primo sorso.

Budapest

Anche Budapest, il cocktail che nasce dalla combinazione culinaria ungherese di uva e cipolla caramellata, si ispira a orizzonti stranieri. È fresco e corposo e si beve accompagnato da uno spiedino di uva e cipolline. Lime, zucchero, centrifugato di uva bianca, cipolla rossa, Fernet-Branca, Cachacha: la freschezza e la dolcezza dell’uva incontrano la cipolla, che diventa una crema.

I cocktail di questa lista sono semplici nella presentazione, perché l’idea è che a volte ci si perda troppo dietro all’estetica dimenticando il gusto. Ma – quando ci vuole, ci vuole – il Pinch, il gusto, non se lo scorda mai, e quindi punta all’essenzialità, ai sapori decisi.
I fiori e le tisane curative nei drink sono le note che, da una primavera incerta, di pioggia e freddo, accompagnano la passeggiata estiva lungo il Naviglio.