Mo 01.11 2021 – So 21.11 2021

Roma Jazz Festival 2021: tutto il programma

Wer

  • LNDFK
  • Studio Murena
  • Gianluca Petrella
  • Theo Croker
  • Theon Cross

Wann

Montag 01 November 2021 – Sonntag 21 November 2021

Wie viel

ingressi vari

Kontakte

Sito web

Roma Jazz Festival

0:00
0:00
  • Souleyes

    LNDFK

  • Pelajuti

    Studio Murena

  • Infinity

    Gianluca Petrella

  • Anthem (feat. Gary Bartz)

    Theo Croker

  • Activate

    Theon Cross

Courtesy of Spotify™

Diciamolo subito: questo Roma Jazz Festival non si arresta di fronte a nulla. Ci ha provato anche il Covid a fermarlo, ma lo ha colpito solo di striscio quando, nel 2020, fra lockdown, coprifuoco e restrizioni di ogni genere lo ha privato del suo pubblico, ma il Festival si è rialzato, si è riorganizzato e, forzatamente a porte chiuse, ha portato nomi di primo livello sugli schermi delle nostre case trasformandosi in un evento in live streaming. Oggi, a sale finalmente riaperte al 100% della capacità, il Roma Jazz Festival, giunto alla 45° edizione, ci propone una fitta serie di concerti che ci accompagneranno per tutto il mese di novembre tra l’Auditorium Parco della Musica e il Monk, insieme a un ciclo di incontri di approfondimento che si svolgeranno invece alla Casa del Jazz, a ricordarci l’importanza (anche) della teoria per la conoscenza di ogni linguaggio musicale.

„Jazz Code“ è il sottotitolo di questa edizione, un codice aperto fatto di contaminazioni, rielaborazioni e nuove sonorità, non per questo volgendo le spalle al passato. Ecco quindi che già la prima settimana si apre con un poker d’assi, quattro nomi ben noti al pubblico romano: il sax tenore di Joe Lovano, per l’occasione insieme al trio del pianista polacco Marcin Wasilewski; quello di Francesco Bearzatti, nuovamente a presentare il suo „Zorro!“ con il Tinissima Quartet, progetto già ascoltato l’estate dello scorso anno alla Casa del Jazz, stavolta accompagnato dal live painting di Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti; e poi l’immancabile piano di Brad Mehldau, alla guida del suo trio, e quello di Giovanni Guidi, accompagnato dalla sua ultima creatura musicale, la Little Italy Orchestra.

Un’altra tripletta di livello ci attende a metà mese, quando il palco della Sala Sinopoli sarà calcato da due mostri sacri del jazz, Dave Holland al contrabbasso e John Scofield alla chitarra – musicisti che conosciamo bene, questa volta alle prese con un inedito duo – seguiti a distanza di pochi giorni dall’atteso trio del pianista Vijay Iyer con Linda May Oh al contrabbasso e Tyshawn Sorey alla batteria. Fra le due date il sempre gradito ritorno del jazz cosmico dei Cosmic Renaissance, con l’omaggio a Sun Ra firmato Gianluca Petrella. Da New York arrivano poi la tromba di una delle nuove stelle della scena mondiale, quel Theo Croker cresciuto musicalmente al fianco di Dee Dee Bridgewater, e il sax di Lakecia Benjamin che qui presenta “Pursuance: The Coltranes”, album dedicato a John e Alice Coltrane.

Ma parlavamo di contaminazioni, di nuove forme, di codici aperti e allora non possiamo fare a meno di evidenziare i momenti più distanti da un ben preciso universo jazz che, in un certo senso, sono i più vicini al nostro. Abbiamo così la commistione di sonorità di LNDFK, musicista e cantante che si muove tra jazz, r’n’b e soul, senza dimenticare – e come potremmo – le due giornate di trasferta al Monk. Nel primo caso, il 7 Novembre, di vera e propria giornata si tratta, con i tre concerti del RJF No Jazz Party. Si parte a mezzogiorno con il funk psichedelico degli abruzzesi The Tangram, si prosegue alle 17 con le atmosfere cinematografiche anni settanta del quartetto romano La Batteria, noto soprattutto per la reinterpretazione della colonna sonora di Detto Mariano di „Amore tossico“. In chiusura di giornata, uno dei nomi in assoluto più interessanti della scena contemporanea italiana, i milanesi Studio Murena, con la loro fusione di jazz e rap che ci fa pensare ai suoni mescolatissimi del nu jazz londinese.

E sono proprio le nuove sonorità della capitale britannica ad accompagnarci verso la conclusione del festival, con la serata di chiusura affidata al ritmo della tuba di Theon Cross. Lo abbiamo visto accanto a Nubya Garcia, negli Ezra Collective, ma soprattutto come membro stabile dei Sons of Kemet di Shabaka Hutchings, dove è presto subentrato al maestro Oren Marshall. Il 21 Novembre sarà al Monk alla guida del suo trio a mostrarci quanto il jazz contemporaneo possa essersi trasformato. Verso il clubbing senza rinnegare gli standard. Evoluzione? Involuzione? Ai posteri l’ardua sentenza. Intanto divertiamoci, perché anche questo è jazz.

CALENDARIO

1° novembre h 21
MARCIN WASILEWSKI TRIO & JOE LOVANO
ARCTIC RIFF
Auditorium Parco della Musica | Sala Petrassi

2 novembre h 21
GIOVANNI GUIDI/LITTLE ITALY ORCHESTRA
Auditorium Parco della Musica | Sala Petrassi

3 novembre h 21
FRANCESCO BEARZATTI/TINISSIMA QUARTET
ZORRO
Auditorium Parco della Musica | Sala Petrassi

4 novembre h 21
BRAD MEHLDAU TRIO
Auditorium Parco della Musica | Sala Sinopoli

5 novembre h 21
UGOLESS feat. DOMENICO SANNA
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

6 novembre h 21
YOUNG ART JAZZ ENSEMBLE diretta da MARIO CORVINI
JAZZ IS A (VIDEO) GAME
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

7 novembre h 12 – h21
RJF NO JAZZ PARTY: THE TANGRAM + LA BATTERIA + STUDIO MURENA
Monk

7 novembre h 21
PAOLO DAMIANI UNIT
MEMORIE FUTURE
Auditorium Parco della Musica | Sala Petrassi

8 novembre h 21
THEO CROKER
BLK2LIFE
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

10 novembre h 21
LAKECIA BENJAMIN
PURSUANCE – THE COLTRANES
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

11 novembre h 21
ROBERTO FONSECA
YESUN
Auditorium Parco della Musica | Sala Sinopoli

11 novembre h 21
LNDFK
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

12 novembre h 21
JOHN SCOFIELD/DAVE HOLLAND DUO
Auditorium Parco della Musica | Sala Sinopoli

15 novembre h 21
GIANLUCA PETRELLA guest V3RBO
COSMIC RENAISSANCE
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

16 novembre h 21
THE VIJAY IYER TRIO
UNEASY
Auditorium Parco della Musica | Sala Sinopoli

18 novembre h 21
TIN MEN AND THE TELEPHONE
GREATEST SHOW
Auditorium Parco della Musica | Teatro Studio Borgna

21 novembre h 21
THEON CROSS TRIO
WE GO AGAIN
Monk

Geschrieben von Carlo Cimmino