NAVA

Una melodia extraterrestre dalle strade di Porta Venezia

quartiere Porta-Venezia

Geschrieben von Bruna Crapanzano il 29 Juni 2021
Aggiornato il 30 Juni 2021

Foto di Marco Servina e Matteo Strocchia

Porta Venezia è uno strano crocevia in cui mondi diversi si incontrano dando vita alle mescolanze più insolite. Nava è una di queste, inutile ipotizzarne un’origine. Una strana creatura, un po‘ genio della lampada, un po‘ elfo, un po‘ regina hi-tech. Nava è come l’acqua assume le sembianze di ciò che quel giorno la contiene, sia questo un’immagine o un ritmo, che diventano concrete fantasie grazie all’estro di Marco Servina e Matteo Strocchia. Con la sua musica ci spinge in un medio oriente tagliente e oscuro, pronti ad entrare?

photo/make-up/hair:
Marco Servina e Matteo Strocchia
photo/make-up/hair:
Marco Servina e Matteo Strocchia

Cominciamo dal principio, come nasce e come evolve NAVA?

Nava nasce nel momento in cui metto piede in Italia. È l’incontro tra le mie radici persiane e il mondo occidentale. Ogni qualvolta finisco fuori strada, ho come la sensazione che l’incanto prenda forma e mi trascina verso un nuovo pezzo.

Quando sei arrivata a Milano con la tua navicella spaziale sei atterrata direttamente tra i bastioni di Porta Venezia o hai scelto il quartiere per qualche motivo particolare?

Devo dire che è stata Porta Venezia ad aver scelto me. Mi ricordo che cercavo casa con i miei genitori tra mille agenzie e passeggiando per via Melzo ho visto l’annuncio della mia prima casa, è stato miracoloso!

Cosa trovi a Porta Venezia che non c'è altrove?

Porta Venezia non ti giudica mai! Ti fa solo “prendere bene” con la sua eccentricità.

Vieni da Teheran e ti sei trasferita a Milano a 17 anni, quanto è importante per te "sentirsi a casa"? Ha un legame con l'idea di "vivere il quartiere?"

Si assolutamente! Ho trovato casa e famiglia nel mio quartiere tra i ristoranti che mi nutrono perché sono pessimissima a cucinare, e i miei vicini di casa che sono diventati miei migliori amici! Infatti ora anche tanti dei miei amici sono venuti a vivere a Porta Venezia dopo tutto il mio hype :)

Pensi che il luogo da cui provieni o in cui vivi influisca sulla tua creatività?

Assolutamente si! Secondo me il mio progetto nasce proprio dall’unione del posto da cui provengo e quello dove vivo attualmente. Mi ispirano profondamente entrambi e in continuazione mi spingono a relazionarmi con cose sempre nuove.

Sonorità mediorientali e miscele elettroniche, cosa racconta di te la tua musica?

Secondo me la mia musica nasce dalla libertà d’ispirazione. Non mi sono mai posta limiti di genere o stile. Ho sempre seguito la mia “gut feeling” sia nella scrittura che nelle produzioni e il lato visivo.

Bloom il tuo ultimo EP è qualcosa di intimamente diverso rispetto ai lavori precedenti, come è avvenuta questa trasformazione?

È un periodo di grande rivoluzione, sono contenta di essere nel bene o nel mane l’artefice di tutte le mie scelte. Avevo esigenza di esplorare i lati diversi della mia persona, infatti BLOOM e un racconto visivo e sonoro di cinque “demoni” di cui mi sono liberata.

NAVA tra un anno, cosa è?

Ahaha secondo me non saperlo e la cosa più figa!

Ci sveli un segreto?

Come dice Arianna “you like my hair Gee thanks I bought it” beh ANCH’IO! Ahahah

|

 

CREDITS PHOTO
Stylist: Ruxandra Virca
Make-up and Hair: Marco Servina e Matteo Strocchia