ven 14.12 2018 – sab 26.01 2019

Charlemagne Palestine - "ttempioossempioozzempioo"

Dove

Sant’Andrea de Scaphis
Via dei Vascellari, Roma

Quando

venerdì 14 dicembre 2018 – sabato 26 gennaio 2019

Quanto

free

Quella volta a Berlino doveva suonare l’organo di una chiesa: un evento. I più fortunati erano riusciti ad accaparrarsi un posto sui banchi, alcuni avevano deciso stoicamente di immergersi tra i suoi suoni seduti per terra, altri ancora in piedi – un temerario Dean Deacon deciderà di sdraiarsi sul pavimento: ghiacciato visto che fuori si era abbondantemente sottozero.

Molti erano rimasti fuori, alche, accortosi della situazione, Charlemagne inizia a passeggiare avanti e indietro con il solito bicchiere di vino tra le mani dicendo che nessuno sarebbe rimasto fuori, perché i suoi genitori erano stati degli immigrati – dall’Est Europa a New York con la torah nel cuore – e quindi aveva sperimentato sulla propria pelle cosa volesse dire l’esclusione. Una trattativa da alticci di solito va male, ma non se ti chiami Charlemagne Palestine. E infatti tutto il pubblico rimasto fuori dalla chiesa fu fatto entrare.

Personaggio assoluto, c’è chi lo ha nel cuori per i suoi dischi seminali che hanno contribuito a tracciare i contorni del minimalismo, chi per la selva di pupazzi di peluche con cui agghinda i suoi pianoforti e che sono alla base dei suoi interventi più vicini all’arte contemporanea, chi per le sue guance arrossate da un buon vino (o distillato) che lo accompagna sempre come uno sherpa fedele. La Sant’Andrea de Scaphis ce lo porta in mostra per un mesetto, con tanto di concerto inaugurale. Grazie di tutto come sempre, Charlemagne.

Scritto da Nicola Gerundino

Contenuto pubblicato su ZeroRoma - 2018-12-16