sab 06.07 2019 – dom 07.07 2019

Kappa FuturFestival 2019

Dove

Parco Dora
Corso Mortara 60, 10149 Torino

Chi

  • Prins Thomas
  • Gerd Janson
  • Adam Port
  • Derrick May
  • Modeselektor
  • Richie Hawtin
  • Nina Kraviz
  • Red Axes
  • San Proper
  • Charlotte De Witte
  • Carl Cox

Quando

sabato 06 luglio 2019 – domenica 07 luglio 2019

Quanto

€ 55

Contatti

3928039321

Sito web

0:00
0:00
  • Boney M Down

    Prins Thomas

  • Shotgun (Gerd Janson Remix)

    Gerd Janson

  • Do You Still Think of Me?

    Adam Port

  • The Dance

    Derrick May

  • Bettina, zieh dir bitte etwas an

    Modeselektor

  • A Night Like This - Richie Hawtin\'s A Dub Like That Remix

    Richie Hawtin

  • I\'m Gonna Get You - Original Mix

    Nina Kraviz

  • Abidjan

    Red Axes

  • Leave It To The Doc

    San Proper

  • This - Original Mix

    Charlotte De Witte

  • Finder - Carl Cox Remix Edit

    Carl Cox

Courtesy of Spotify™

Il FuturFest è una delle certezze dell’estate torinese: ha attraversato una decade di successi praticamente esponenziali, facendo lo slalom tra gli ormai inconfondibili piloni arancioni del Parco Dora e i cambi di casacca delle amministrazioni comunali, forte di una formula semplice ma granitica, come i pezzi di ricambio che venivano prodotti nell’ex acciaieria che ospita il festival sin dal suo battesimo. Si comincia a mezzogiorno e si finisce a mezzanotte, ovviamente sempre con la carta jolly dell’after-party in girula. L’aggiunta di un quarto stage ha conferito ancora più vivibilità ad un evento già di per sé al top dal punto di vista della logistica. In Italia dobbiamo ancora abituarci a Token e derivati, ma la tecnologia cashless aiuta a smaltire le code (che non abbiamo mai imparato a fare, in generale). Il festival inoltre prova a sensibilizzare sulla questione riciclo (col progetto TRASHed art of recycling) e dell’inquinamento acustico (nonostante i dirimpettai non siano – ancora – tutti fan della techno).

Sul palco, quest’anno, un tot di b2b da capogiro (a tal proposito: sempre sian lodate le docce per rinfrescarsi) come Prins Thomas vs Gerd Janson o Adam Port / Reznik. Poi, ci sono artisti da ogni angolo del mondo (Red Axes da Israele o Dj Nobu dal Giappone) e ovviamente “senatori” del calibro di Cox-Hawtin-Kraviz, ma soprattutto la leggenda Derrick May. Ed è solo l’inizio. Fate largo a tre acclamate “badass girls” come Peggy Gou, Emily Lens e Charlotte de Witte. Massima allerta per promettenti emergenti come Enzo Siragusa o San Proper. E tenetevi forte per il poker di live set firmati Vitalic, Capo Fortuna, Johannes Brecht e dei Modeselektor tornati alla ribalta in stato di grazia. Detto ciò, l’ex Kappa è talmente una garanzia che il resto dei nomi potete scoprirlo tranquillamente flyer alla mano in loco, sorseggiando il primo Jager del weekend.

Scritto da Lorenzo Giannetti