mer 16.01 2019 – dom 17.02 2019

Immagini di una vita

Dove

Complesso Museale di San Salvatore in Lauro
Pizza S. Salvatore in Lauro 15, 00186 Roma

Quando

mercoledì 16 gennaio 2019 – domenica 17 febbraio 2019

Quanto

free

Se c’è una figura in grado di incarnare l’Italia del Dopoguerra nella sua dimensione politica e istituzionale, non può che essere quella di Giulio Andreotti, onnipresente nei banchi del Parlamento dalla Costituente del 1946 fino alla carica di senatore a vita: sette volte Presidente del Consiglio, ventisei volte Ministro, ma mai segretario della Dc.

Lo Stato, il Potere, la Storia di una nazione bifronte, povera come ricca durante gli anni dei boom economici, caritatevole durante i disastri naturali come spietata nel lucrare su gli stessi, rivoluzionaria e conservatrice, stragista e terrorista. Come un moloch, Andreotti ha assorbito tutto, riuscendo a non vacillare mai – almeno politicamente – arrendendosi solo di fronte alla morte. Qualunque sia il giudizio che se ne dia, non si può negare che sia stata una figura unica, verso la quale si nutre il fascino che si ha nei confronti degli enigmi, degli arcani e dei misteri irrisolti.

Due mostre – a San Salvatore in Lauro la più interessante – in occasione di quello che sarebbe stato il suo centesimo compleanno (14/01/2019), ci permettono di rinfrescarci la memoria sulle vicende della nostra storia più recente e di sbirciare un po’ nella dimensione più familiare e umana dello statista, assolutamente radicata nella città di Roma, dove ha trascorso tutta la sua vita. Negli anni 2.0 Andreotti si è trovato anche a essere un meme (postumo) molto gettonato e c’è da scommettere che la cosa gli avrebbe fatto piacere: “Meglio essere criticato che ignorato”, diceva. Il Divo, Il Diavolo, Giulio.

Scritto da Nicola Gerundino

Contenuto pubblicato su ZeroRoma - 2019-02-01