dom 05.05 2019

Gran Festival Internazionale della Zuppa 2019

Quando

domenica 05 maggio 2019

Quanto

free

Dopo un anno di stop, torna il festival che celebra la zuppa come metafora di scambio. Perché com’è vero che non tutti gli ingredienti stanno bene insieme e che non sempre 1+1 fa 2, l’unico modo per integrarsi è una ricetta, e per quella servono i maestri zuppai. Cavolo nero e patate, carote e cappuccio, verza e cipolla, topinambur e scarola, da soli sono una tristezza infinita. Ci vuole l’incontro per dare un po’ di sapore e brio al palato e alla vita. E l’incontro è sempre cosa delicata: necessita di pazienza, tempi di cottura adeguati e tanto lavoro. Lo recitava, tra l’altro, la stessa Zuppa Costituente dell’edizione 2010: “la zuppa è fondata sul giro del mestolo, ossia sul lavoro”. Quest’anno, come da tradizione, da un lato si schiereranno i concorrenti, dall’altro gli assaggiatori, muniti di scodella intorno al collo e cucchiaio. Inalienabile e sancito chiaramente dalla Charta Zuppesca 2016 è il diritto alla scarpetta: munitevi perciò di pane, e che vinca il migliore!

Scritto da Salvatore Papa

Ad could not be loaded.

Leggi anche

Ad could not be loaded.