mer 05.06 2019

Escape-ism

Dove

Fanfulla 5/a
Via F. da Lodi 5/a, 00173 Roma

Chi

  • Escape-Ism

Quando

mercoledì 05 giugno 2019
H 22:00

Quanto

con tess. Arci

0:00
0:00
  • Bodysnatcher

    Escape-Ism

  • What Sign (Was Frankenstein?)

    Escape-Ism

  • Walking in the Dark

    Escape-Ism

Courtesy of Spotify™

Ian Svenonius è un musicista d’altri tempi. Di quelli – che comunque, per fortuna, continuano a (r)esistere – totalmente indifferenti alle mode e al music biz. Ma sempre fedeli a un suono che difficilmente scende a compromessi. Dalla roccaforte del punk hardcore Washington D.C., è stato prima colonna portante dei Nation of Ulysses (a fine ’80), poi tra i fondatori della creatura post punk The Make-Up, successivamente in varie formazioni indie rock (Weird War, XYZ) fino al rock’n’roll spigoloso e disturbato dei Chain & the Gang, legandosi, nel tempo, a etichette che non necessitano presentazioni come Dischord e In The Red.

Con alle spalle 30 anni di attività indefessa nei sotterranei del rock indipendente, “marxista eretico” e icona della controcultura, tra la scrittura di un libro e la presentazione di un talk show online, era decisamente ora per Svenonius di esordire (!) da solista. Lo ha fatto lo scorso anno, sempre alla sua maniera provocatoria, con una “introduzione alla fuga dalla realtà” a base di wave minimale ed elettronica sinuosa e psicotica alla Suicide. E sempre per una delle etichette che nel giro indipendente contano, Merge.

Dopo il passaggio di qualche mese fa, Svenonius torna a Roma con il live a nome Escape-ism, “Introduction to Escape-ism”, ma anche per presentare “Censura subito!!!”, traduzione italiana edita da Not di un libro in cui analizza mostri e i feticci della cultura di massa (da Ikea a Apple, dai processi di gentrificazione alla musica indie), teorizzando – tra paradosso e coerenza massima – la necessità di bannare e abolire tutto fino alla rieducazione. Stasera sarebbe un peccato non venire a tributare un personaggio di culto, imprevedibile e romantico come lui.

Scritto da Chiara Colli

Contenuto pubblicato su ZeroRoma - 2019-06-01