ven 22.11 2019

Natural Disruptors: Xylouris / White

Dove

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
Viale Pasubio 5, Milano

Chi

  • Xylouris / White

Quando

venerdì 22 novembre 2019
H 21:00

Quanto

€ 18/15

Contatti

Sito web

0:00
0:00
  • Motorcycle Kondilies

    Xylouris / White

  • Till the Morning Comes

    Xylouris / White

  • In Medias Res

    Xylouris / White

Courtesy of Spotify™

Da una parte un musicista che riesce a spezzettare il ritmo senza mai perdere il filo del discorso, che ha la capacità di battere un colpo ben assestato in mezzo ad altri due che non ci avevi fatto caso e tutto torna. Dall’altra un musicista cretese che trasforma il liuto in uno strumento corroboante e inaspettatamente contemporaneo. Insieme, ormai da qualche anno, per un progetto che scaraventa il concetto di sperimentazione e “musica del quarto mondo” oltre i confini della tradizione e dell’improvvisazione.

Jim White è quella sagoma che sta dietro alle pelli dei magici Dirty Three di Warren Ellis, dove è capace di passare in pochi colpi da un incespicato ritmo para-jazzistico a un maelström sonoro che manco Raymond Herrera. Non è un caso che negli ultimi venti anni abbiano richiesto i suoi servigi Smog, Will Oldham e Cat Power, ovvero la trimurti del cantautorato americano a cavallo degli anni Novanta e gli anni Zero. Giorgos Xylouris è un suonatore di liuto cretese dalla voce baritonale, figlio d’arte, con connessioni fortissime con la musica tradizionale greca a partire dai suoi avi e un legame molto forte con l’Australia – dove ha vissuto per molti anni.

Il duo è un furente mix di atmosfere ellenico-mediorentali, folk apocalittico e saltellanti ritmi jazzati, autore di tre lavori in studio – l’esordio, “Goats” del 2014, era stato prodotto da Guy Picciotto dei Fugazi, giusto per sparigliare un altro po’ le carte – che si compongono come tre capitoli di un’unica saga. Arrivano a Milano grazie al ciclo di concerti Natural Disruptors, seconda edizione della rassegna con base alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli curata ogni anno da un artista diverso – l’anno scorso Teho Teardo, quest’anno sua Maestà Lee Ranaldo.

Scritto da Chiara Colli