sab 21.12 2019 – mar 14.01 2020

Maurizio Bongiovanni

Dove

Studio d'Arte Cannaviello
Piazzetta Maurilio Bossi 4, 20121 Milano

Quando

sabato 21 dicembre 2019 – martedì 14 gennaio 2020

Quanto

free

Lo Studio d’arte Cannaviello, situato nella racchiusa Piazzetta Maurizio Bossi, presenta un nuovo ciclo pittorico di Maurizio Bongiovanni (Tettnang, 1979).
Il filosofo polacco Zygmunt Bauman (Poznan, 1925-Leeds, 2017) nei suoi testi ci ha parlato della modernità liquida, cioè il saper adattarsi a quello che la società dei usi e costumi ci propone o impone di fare; da qui il grande spunto dell’artista, che sfoga con pennellate fluenti nei volti timidi che popolano le sue tele.
Queste figure, con chiaro riferimento alla statuaria greca, ci portano in un viaggio fluido, confondendoci, e facendoci porre una domanda: sono uomini o donne? Loro non si sentono né uno né l’altro, sono personaggi agender.

Una società che vive per il consumo è portata a trasformare anche l’essere umano e le sue relazioni usa e getta in merce. Osservando, saremo rapiti dal desiderio che i corpi erotici, senza freno, ci vendono. L’immagine del pittore per quanto timida sprigiona una ricerca di elementi pornografici, un forte collegamento con i nudi di Filippo de Pisis (Ferrara, 1896 – Brugherio, 1956) o i marinai raccolti sulla Senna, per essere poi ritratti nell’atelier.

Scritto da Bohdan Stupak