dom 02.02 2020

Broken Shadows

Dove

La Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina 55, 00154 Roma

Quando

domenica 02 febbraio 2020
H 21:00

Quanto

€ 15

Il Grande Fratello ti osserva, ti ascolta, ti manipola. Il Grande Fratello vuole farti credere, caro lettore degli stati del Sud, che l’evoluzione del jazz si sia arrestata da tempo, portandoti ad assistere, anno dopo anno, alle esibizioni di Enrico Rava, Franco D’Andrea e poco altro. E tu, caro spettatore, riempi puntualmente le stesse sale e ti spelli le mani applaudendo le sacre stelle del jazz. Questo mentre al di sopra del Rubicone la cornetta di Rob Mazurek si intreccia con la chitarra di David Grubbs e il sax di Mats Gustafsson accompagna le bordate rap di Dälek.

Ma qualcosa si sta muovendo, un vento di cambiamento deve essere arrivato fin dalle nostre parti se un gruppo come i Broken Shadows approda alla Casa del Jazz. Anche qui, è vero, si parte dalla storia del jazz, visto che il quartetto americano nasce come omaggio a tre indimenticati sassofonisti – Ornette Coleman, Julius Hemphill e Dewey Redman – ma i nomi sono di quelli che hanno infiammato i palchi di mezzo mondo nell’ultimo ventennio. La sezione ritmica è quella dei Bad Plus, ovvero Reid Anderson al contrabbasso e Dave King alla batteria. Accanto a loro il sax alto di Tim Berne e il sax tenore di Chris Speed, a farci sentire, almeno per una volta, un po’ meno esclusi.

Usciamo di casa, cerchiamo di assistere a un concerto “diverso”, dimostriamo di essere pronti a non ascoltare sempre e solo i soliti nomi. Comprare il disco sarà invece, almeno per ora, non alla portata di tutti. Uscito unicamente in vinile, il disco omonimo, fa parte del box “Season Four” della Newvelle Records, sei LP con nomi del calibro di Jason Moran, Dave Liebman e Hank Roberts, fra gli altri, al modico prezzo di 400 dollari acquistandolo dall’etichetta.

Scritto da Carlo Cimmino