ven 10.09 2021 – dom 12.09 2021

La trentesima edizione del SI FEST

Dove

Savignano sul Rubicone
Savignano sul Rubicone

Quando

venerdì 10 settembre 2021 – domenica 12 settembre 2021

Quanto

€ 10 (15 illimitato)

Contatti

Sito web

Foto di Esther Horvath.

Il festival di fotografia più longevo d’Italia compie trent’anni. Un compleanno importante che il direttore artistico Denis Curti ha voluto dedicare al tema FUTURA. I domani della fotografia.

FUTURA al femminile dunque, come tanta fotografia di oggi e di domani, ma anche FUTURA senza distinzione di genere, alla latina, come il plurale delle cose destinate a esistere e pronte a venire alla luce.

Fil rouge di alcuni progetti è il rispetto e l’ammirazione per la Natura.

La riflessione sull’impatto dell’uomo su di essa inizia con la mostra Uguale ma diverso. Same But Different, di Arno Rafael Minkkinen, che da oltre cinquant’anni si dedica all’autoritratto, fondendosi con il paesaggio selvaggio e naturale, per ribadire che l’uomo non è che una parte infinitesimale di un ecosistema molto complesso.

Il medesimo ecosistema è ripreso dalle immagini di Esther Horvath in POLARNIGHT, progetto fotografico realizzato durante la più grande spedizione artica di tutti i tempi.

Mario Vidor ripropone invece i suoiRiflessi sull’acqua che trent’anni fa avevano portato a Savignano le sue poetiche immagini che ritraevano l’immensità e la poesia dell’acqua.

DREAMS di Elena Givone è un fotoreportage nelle zone abitate dalla disperazione: le favelas di Florianopols e il carcere minorile di Salvador de Bahia, l’arido Mali e gli orfanotrofi in Myanmar, le zone più povere in Sri Lanka e Ucraina e le macerie di Aleppo.

In mostra anche i vincitori dei premi dell’anno scorso: Giulia Gatti con Su mia madre tira vento si è aggiudicata il Premio Pesaresi 2020 con un progetto realizzato in America Latina sull’archetipo della madre; il progetto di Maria Cristina Comparato della Presenza ha vinto invece il Premio Portfolio Italia – Gran Premio Fujifilm 2020, grazie al suo percorso dalla scoperta della malattia all’integrazione di una nuova quotidianità; Lorenzo Zoppolato con il suo diario di viaggio in Patagonia è invece il vincitore con Le immagini di Morel del riconoscimento sostenuto da Gruppo Ivas e famiglia Colonna, il Premio Portfolio Werther Colonna 2020.

Tra le altre, infine, la mostra Luce in archivio. Percorsi visivi dai cataloghi fotografici di Palazzo Vendeminia cura di Jessica Andreucci e Giuseppe Pazzaglia, omaggia l’archivio fotografico del Comune, che conta oltre 200.000 documenti, tra fotografie e cartoline postali storiche, immagini della sezione contemporanea, i censimenti e le campagne fotografiche e il fondo del reporter riminese Marco Pesaresi, recentemente acquisito dall’amministrazione comunale

Oltre alle mostre in programma anche numerosi appuntamenti, proiezioni e occasioni di incontro con fotografi e addetti ai lavori.

Info e programma completo qui.

Scritto da L.R.