lun 02.05 2016 – mer 04.05 2016

Leonardo Da Vinci. Il Genio a Milano

Dove

Cinema vari Campania
Napoli, Napoli

Quando

lunedì 02 maggio 2016 – mercoledì 04 maggio 2016

Quanto

ing. vari

Sono molteplici gli ambiti accarrezzati dalla genialità di Leonardo e le leggende che da sempre si susseguono sul suo conto. Pittore, architetto, scultore, scienzato, inventore. Ma anche esperto di fisica e anatomia, botanico e musicista. Alla fine del Quattrocento, il poliedrico artista trascorre diciotto anni a Milano: sono proprio di quel periodo capolavori come L’Ultima Cena, La Dama con l’ermellino, La Belle Ferronnière. Così come la decorazione della Sala delle Asse del Castello Sforzesco e gli studi sul sistema dei Navigli.
Leonardo Da Vinci. Il Genio a Milano, di Luca Lucini e Nico Malaspina, è la storia di quegli anni. Sul grande schermo il 2, 3 e 4 maggio, il film è presentato all’interno del progetto La Grande Arte al Cinema.

Un racconto a ritroso, a partire dalla mostra milanese dedicata a Leonardo lo scorso anno a Palazzo Reale, che unisce un approccio documentaristico a inserti di fiction. Ai volti autorevoli di Pietro Marani, curatore della mostra, ed esperti che ne hanno studiato la vita e le opere tra cui Claudio Giorgione, Maria Teresa Fiorio e Vittorio Sgarbi, si alternano quelli di Ludovico il Moro, Bramante, Salaì, Cecilia Gallerani e Raffaello. I personaggi ritornano dal passato per raccontarsi e rivelare qualche particolare relativo al legame con l’artista. Mostra un po’ di disappunto, per esempio, l’istrionica Isabella d’Este che commissionò a Leonardo un suo ritratto, dopo aver visto quello di Cecilia Gallerani, ma mai portato a termine.
Attraverso queste voci, dalla nascita dei ritratti realizzati alla corte di Ludovico il Moro fino al Cenacolo, il documentario ci accompagna alla scoperta della grande innovazione apportata da Leonardo nella pittura. L’anima dei personaggi trapela nei suoi dipinti, hanno “moto e fiato”, per dirla con le parole del Vasari. Sguardi e gesti corporei svelano la vita interiore e i rapporti psicologici delle persone ritratte. Leonardo rende manifesta la dimensione emozionale dei suoi personaggi, in contrapposizione all’alone di mistero che avvolge la sua figura.
QUI L’ELENCO DELLE SALE

Scritto da Claudia Farci