sab 02.12 2017 – dom 29.04 2018

Gravity

Quando

sabato 02 dicembre 2017 – domenica 29 aprile 2018

Quanto

€ 12/8

Coincidenza vuole che Gravity sia anche il nome di un un film Alfonso Cuarón del 2013, con protagonisti gli insospettabili astronauti Sandra Bullock e George Clooney. Abbiamo poi visto recentemente sugli schermi Interstellar di Nolan, Arrival di Villeneuve e, sullo sfondo, anche The Theory of Everything, dedicato alla vita e alle teorie di Stephen Hawking. Quando il cinema e Hollywood piombano su un argomento vuol dire che attorno c’è grande fermento ed è così per la fisica e le indagini interstellari. il Collider al Cern di Ginevra, la sonda Cassini tra gli anelli di Saturno, i robot su Marte, il Premio Nobel per la Fisica a Thorne, Barish e Weiss per la scoperta delle onde gravitazionali: tutto fa parte di un incredibile slancio che l’uomo sta facendo verso la conoscenza dei meccanismi che tengono su l’Universo e lo hanno generato. E se il cinema sta trasformando in pellicole la miriade di domande – anche filosofiche, non solo scientifiche – che queste scoperte stanno generando, l’arte contemporanea segue a ruota. Si arriva cosi a Gravity, la mostra, con cui il Maxxi cercherà di “Immaginare l’Universo dopo Einstein”. Tra reperti scientifici, ricostruzioni e opere d’arte vere e proprie, protagonista sarà Tomás Saraceno – nella doppia veste di autore e curatorial advisor – che presenterà i lavori Cosmic Concert, Aeroke, 163,000 Light Years e sarà ospite di un talk il 2 dicembre, proprio in occasione dell’opening. 10, 9… ignition sequence start … 6, 5, 4, 3, 2, 1, 0 … All engines running!

Scritto da Alberto Asquini