Palazzo Ducale Venezia

Contatti

Palazzo Ducale Venezia San Marco , 1
venezia

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 08:30–18:30
  • mercoledi 08:30–18:30
  • giovedi 08:30–18:30
  • venerdi 08:30–18:30
  • sabato 08:30–18:30
  • domenica 08:30–18:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Scritto da L.R. il 22 marzo 2019
Aggiornato il 18 maggio 2019

Il Settecento veneziano con le sue luci e ombre si snoda lungo le sale di Palazzo Ducale, nel racconto di un secolo straordinario e del suo protagonista: Giovanni Antonio Canal, il Canaletto. Una stagione artistica di grande complessità e valore, di eccellenze nel campo della pittura, della scultura, delle arti decorative. Fin dal suo inizio il 700 si mostra come un secolo di enorme vitalità e grandi cambiamenti, nel linguaggio dell’arte, nella storia delle idee e delle tecniche, nella vita sociale.
La mostra parte dall’affacciarsi di una nuova forma artistica, che rompe i legami con il rigore del Classicismo e con la teatralità del Barocco, mentre il colore prende il sopravvento sul disegno. Luca Carlevarijs pone le basi del vedutismo veneziano, Rosalba Carrera rinnova l’arte del ritratto. Due giovani coetanei dipingono opere in cui la luce acquista valenza fondante: Giambattista Tiepolo e Canaletto. Il viaggio continua con la pittura di Pietro Longhi, la grande stagione dell’incisione e di Giambattista Piranesi. Anche l’arte vetraria di Murano vive i suoi fasti, con l’oreficeria e la manifattura di porcellane. Protagonisti di fine secolo sono Francesco Guardi e Giandomenico Tiepolo, figlio di Giambattista. Il secolo dei lumi, e il percorso espositivo, si chiude con l’affermarsi del Neoclassicismo, su tutti giganteggia Antonio Canova.