L'Asino d'Oro

Zero qui: mangia carne come se fosse caviale.

Foto di Laissez Fare

Contatti

L'Asino d'Oro Via del Boschetto, 73
Roma

Orari

  • lunedi chiuso
  • martedi 12:30–14:30 , 19:30–23
  • mercoledi 12:30–14:30 , 19:30–23
  • giovedi 12:30–14:30 , 19:30–23
  • venerdi 12:30–14:30 , 19:30–23
  • sabato 19:30–23
  • domenica chiuso

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 20 giugno 2015

Qui la carne la lavora un artista, Lucio Sforza, chef che ha trasferito il suo Asino da Orvieto a Roma (prima a Montesacro ora a Monti). I patti sono d’ispirazione umbro-"etrusca" e quindi di ultra terra, dall’antipasto ai secondi: cinghiale, guanciali, agnello, coratella, prosciutti, con proposte ottime anche per le zuppe. Lodevole il menu fisso del pranzo, quando è possibile assaggiare, ad esempio, una lonzetta tonnata e altre due portate per poco più di 10 euri. Arredo piuttosto moderno in contrasto con il carattere sanguigno dei piatti.