Feltrinelli RED

Zero qui: Mangia gli spaghetti alla milanese

Foto di SalumiAmo

Contatti

Feltrinelli RED Piazza Gae Aulenti,
Milano

Orari

  • lunedi 07:30–22
  • martedi 07:30–22
  • mercoledi 07:30–22
  • giovedi 07:30–22
  • venerdi 07:30–22
  • sabato 07:30–23
  • domenica 07:30–22

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 21 giugno 2016

RED (Read, Eat, Dream) è il progetto de la Feltrinelli e Antica Focacceria San Francesco: una libreria con ristorante, bar e bottega gastronomica, o meglio il contrario, nella piazza “Milano-wonna-be-Dubai” Gae Aulenti – che comunque a noi non dispiace del tutto, e che è già stata adottata da molti milanesi come luogo di lettura domenicale. Il concetto – sperimentato nelle altre avventure di RED a Roma, Parma, eccetera – è semplice: il cibo tira, il cibo è socialità, il cibo è perfetto se una libreria vuole essere sostenibile in tempi in cui si vendono meno libri (per non parlare dei cd, qui spariti) e vuole diventare un punto di riferimento e di aggregazione nel quartiere di Porta Nuova. Non a caso il successo di pubblico è sotto gli occhi di tutti e, soprattutto, la cucina punta tutto sulle materie prime, come le carni bovine di razza piemontese de La Granda, il pesce di Paolo Fanciulli – pescatore di Talamone (GR) che si batte contro la pesca a strascico -, i formaggi affinati da Guffanti e i pistilli di zafferano abruzzese. Dal menu, provate gli spaghetti alla milanese: dietro a un piatto il cui nome sembra preso paro da un menu di un ristorante newyorkese di cucina italiana gestito da cinesi, si nasconde quello che è già un cult della cucina del RED: spaghetti del pastificio marchigiano Mancini saltati nel brodo di ossobuco e conditi con ossobuco e pistilli di zafferano. Tra gli altri piatti che ci sono piaciuti: baccalà carciofi e olive, agnello panato e crema di ceci allo yogurt, capponmagro, dolci come tiramisu al cappuccino, plumcake cioccolato e zabaione, cannolo (con il benestare siculo dell’Antica Focacceria San Francesco).