Il convento e la cripta dei Frati Cappuccini di Via Veneto

Zero qui: si ricorda che il corpo umano è fatto di tante ossa.

Foto di Luca Cerabona

Contatti

Il convento e la cripta dei Frati Cappuccini di Via Veneto Via Vittorio Veneto, 27
Roma

Scritto da Alberto Asquini il 28 aprile 2017
Aggiornato il 7 giugno 2017

Vi hanno detto che via Veneto è stata la via del cinema, di Fellini, di Mastroianni e della “Bella vita” del Dopoguerra. Probabilmente non vi hanno detto che al 27 di questa stessa strada c’è Santa Maria della Concezione dei Cappuccini, una delle chiese più affascinanti, ma allo stesso terrificanti, di Roma. L’edificio fu fatto costruire nei pressi di Palazzo Barberini da papa Urbano VIII, in onore di suo fratello Antonio Barberini che faceva parte dell’ordine dei Cappuccini. Fin qui niente di strano. I tremori arrivano al piano inferiore, dove c’è la cripta-ossario decorata con le ossa di circa 4000 frati cappuccini, raccolti tra il 1528 ed il 1870 dal vecchio cimitero dell’ordine dei Cappuccini. La cripta è divisa in cinque piccole cappelle, dove si trovano anche alcuni corpi interi di frati mummificati. Troppo per voi? Allora fermatevi tra le navate, dove potrete osservare dipinti di Guido Reni, Domenichino e anche San Francesco in preghiera, recentemente attribuito al Caravaggio.