Processo Grottesco c/o Fondazione Prada

Foto di Attilio Maranzano Courtesy Fondazione Prada

Contatti

Processo Grottesco c/o Fondazione Prada Largo Isarco, 2
Milano

Orari

  • lunedi 10–20
  • martedi chiuso
  • mercoledi 10–20
  • giovedi 10–20
  • venerdi 10–21
  • sabato 10–21
  • domenica 10–21

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Scritto da La Redazione il 22 maggio 2017
Aggiornato il 30 maggio 2017

Nel 2006 Thomas Demand, per realizzare l’opera fotografica Grotto, ha ricostruito a partire da una cartolina una grotta dell’isola di Maiorca. Ricorrendo a 30 tonnellate di cartone grigio, sagomato mediante computer e disposto a formare una stratificazione di 900.000 sezioni, l’artista ricrea la cavità, le stalattiti e le stalagmiti riprodotte in cartolina, per poi scattarne una fotografia. Il motivo del grotto ritorna in forma di “Processo Grottesco”, in cui all’immagine del Grotto Demand affianca i materiali documentari consistenti in cartoline, libri, guide turistiche, illustrazioni tratte da cataloghi e da pubblicazioni varie, e la titanica ricostruzione della grotta spagnola. L’artista permette così al visitatore di conoscere il processo creativo che ha condotto alla realizzazione della fotografia, e consente di scoprire il modo in cui l’opera, attraverso continue ricerche, si è trasformata nel corso del tempo. Uno degli elementi che caratterizzano “Processo Grottesco” è il ricorso alla tecnologia di una macchina virtuale, con cui per la prima volta Demand si cimenta per tagliare, seguendo un modello 3D, i vari strati di cartone, utili per la ricostruzione tridimensionale. In questa installazione permanente, l’utilizzo di uno strumento ad alta tecnologia permette di imitare, con la sua decifrazione accelerata, le stratificazioni di una natura dal ritmo lentissimo. Installazione permanente nel piano interrato del cinema della Fondazione.