A Garbatella apre lo spazio culturale Memo

Una finestra dedicata alla memoria del Novecento grazie ai documenti dell'Archivio Flamigni

quartiere Garbatella

Scritto da La Redazione il 1 febbraio 2021

Piazza Bartolomeo Romano aggiunge un nuovo tassello alla sua nuova identità, sempre più votata alla cultura e alla formazione civica. Dopo la nascita della biblioteca e hub culturale Moby Dick, la piazza di Garbatella accoglie da oggi, 1 febbraio 2021, le memorie dell’Archivio Flamigni, nato nell’ottobre del 2005 con l’obiettivo di “catalogare, inventariare e rendere disponibile la vasta documentazione acquisita e conservata dal senatore Sergio Flamigni in oltre sessanta anni di lavoro politico, attività parlamentare e ricerca storica, in particolare a seguito del suo impegno quale membro delle commissioni parlamentari d’inchiesta sul caso Moro, sulla P2, sulla mafia”.

Dopo 15 anni, l’Archivio ha accolto l’invito di Regione e Municipio VIII e ha deciso di lasciare la sede originaria situata a Oriolo Romano per trasferirsi in città all’interno di Memmo, spazio nato dalle ceneri di un ristorante cinese che nel 2020, in occasione del centenario del quartiere, aveva già ospitato temporaneamente una mostra dedicata alla documentazione storica di ATER Roma e che oggi viene definitivamente restituito alla collettività grazie all’impegno delle istituzioni locali.