ArtRockMuseum: i dischi preferiti di Flavio Giurato

Il cantautore, ospite della rassegna musicale a Palazzo Pepoli mercoledì 11 aprile, ci ha raccontato alcuni dei dischi che hanno segnato il suo stile

Scritto da La Redazione il 9 aprile 2018

Flavio Giurato è il cantautore romano uscito allo scoperto già da un po’, fuori dalla dimensione di culto sotterraneo, amplificato e rimbalzato dalla diffusione di mp3 clandestini.Il suo ultimo album, intitolato “Le promesse del mondo”, è dedicato al tema dell’immigrazione e sarà presentato al Museo della Storia di Bologna mercoledì 11 aprile per il penultimo appuntamento della rassegna ArtRockMuseum 2018.

Per arrivare preparati ci siamo fatti raccontare da lui una playlist di dischi che ne hanno segnato lo stile. Godetevela.


Giacomo PucciniIl Trittico
Mio nonno dopo cena a tavola cantava Gianni Schicchi e Suor Angelica e mi racontava quando con Puccini andavano da Viareggio a Londra in macchina per le rappresentazioni al Covent Garden.

______________________

The BeatlesAbbey Road
Non esisterebbe niente di quello che ho scritto io se non ci fosse stato questo disco

______________________

Leonard CohenSongs of Love and Hate
Lenny come fratello maggiore, me lo vedo che mi porta al Bronx per vedere la partita.

______________________

Blind FaithBlind Faith
La fede cieca nel valore artistico della copertina dei vinili.

______________________

Michel ColombierWings
Citato ne Il Tuffatore, è il disco perfetto.

______________________

NirvanaUnplugged in New York
Dopo i Beatles come smuovimento d’anima ci sono i Nirvana.

______________________

Colle Der FomentoScienza Doppia H
Scelta molto parrocchiale, “l’asfalto qui intorno è sempre quello di Roma”.

______________________

Artisti variWoodstock
Scelta pratica, se avete il vinile lo potete sempre usare come un frisbee.

______________________

Andrew Lloyd WebberJesus Christ Superstar
Andrew l’ho conosciuto a Roma in un ristorante su un’ansa del Tevere. Devo ancora passare a trovarlo a Londra dove ha comprato un teatro.

______________________

Elton JohnMadman Across The Water
È il disco che mi ha fatto dire: “Io devo fare un disco più bello di questo”. Lo ricompro periodicamente.