Futurewear by Napapijri e un intervento di Green Street Art

Il nuovo impegno per la moda sostenibile alla Green Week

Scritto da La Redazione il 27 settembre 2019
Aggiornato il 30 settembre 2019

Che cos’è una giacca circolare? Non si tratta di un capo à la Botero, il riferimento è all’economia circolare, principio informatore della produzione di Infinity, la giacca riciclabile al 100%. Il trucco è la sua composizione monomateriale: l’imbottitura e i dettagli di Infinity sono realizzati in nylon 6, mentre il tessuto è realizzato in ECONYL®, un filo di nylon 6 rigenerato e ad alte prestazioni derivato da reti da pesca e altri materiali di scarto.
Infinity fa parte, insieme a Ze-Knit – un capo lavorato a maglia digitale utilizzando un singolo filato tinto in massa, un processo che potrebbe potenzialmente ridurre gli sprechi risparmiando materie prime, acqua e coloranti chimici- e a Superlight – la prima espressione della rivoluzione no-fur, no-down dell’azienda – della collezione Futurewear by Napapijri, lanciata nella Green Week milanese (24-30 settembre).

Non paga di questo grande engagement per l’ambiente, l’azienda, nata nell’aria incontaminata dell’alta montagna, ha deciso di intervenire nella città con un’opera d’arte supergreen: i tre “Futurewear Walls” a Corso di Porta Romana, Corso di Porta Garibaldi e via Padova creati da Camilla Falsini, Giorgio Bartocci e Moneyless (Teo Pirisi)con Airlite, una vernice speciale in grado di assorbire le sostanze inquinanti dall’aria.