Gian Maria Tosatti al centro dell’arte contemporanea italiana

Nello stesso giorno un doppio riconoscimento da parte della Quadriennale di Roma e la Biennale di Venezia all'artista romano classe 1980.

Scritto da La Redazione il 23 settembre 2021

Mercoledì 22 settembre sarà una data che Gian Maria Tosatti difficilmente scorderà. In questo stesso giorno è stato designato Direttore artistico della Quadriennale di Roma per il triennio 2021-2024 ed è stato scelto dalla Biennale di Venezia come unico artista presente al Padiglione Italia nel 2022 – sarà la prima volta in assoluto che l’Italia avrà un unico rappresentante.

«Questo incarico, arrivato quasi simultaneamente alla mia designazione per il padiglione italiano alla Biennale di Venezia sembra il secondo movimento di un unico respiro» dichiara Gian Maria Tosatti, che poi continua: «Nel mio percorso, l’impegno – a volte faticoso, a volte esaltante – di stimolare la costruzione di dialoghi solidi e critici fra gli artisti è stata una linea di condotta costante. Non ho mai pensato che si potesse scrivere una sola pagina di storia dell’arte che fosse una storia di solitudini. La storia dell’arte è una sinfonia di confronti, serrati, aperti, illuminanti. Questo terrò a mente nel dar corso ad una prospettiva esaltante che torna a responsabilizzare fortemente la figura di un artista».

In bocca al lupo x 2!