I pezzi preferiti da Giorgio Poi

Giorgio Poi, ospite di ArtRockMuseum a Palazzo Pepoli mercoledì 19 aprile, ci ha raccontato alcuni dei pezzi che gli girano in testa più di continuo

Scritto da La Redazione il 18 aprile 2017
Aggiornato il 19 aprile 2017

Già la scorsa estate appariva chiaro che Giorgio Poi sarebbe stata una delle “new sensation” del 2017. È bastato il video di Niente di strano ad accendere la miccia, forte del suo protagonista Luca Marinelli (praticamente l’attore del momento). Una sapiente ma discreta campagna di promozione ha fatto il resto, creando il giusto hype dietro al progetto solista di Giorgio Poti dei Cairobi (e quindi ex Vadoinmessico). Fa Niente conferma che l’attesa non è stata vana. Ci voleva un cantautore italiano – seppur di stanza a Berlino – che mostrasse la via, ricordando al pop nostrano che il mondo musicale va avanti e non starà di certo ad aspettare quella parte di Stivale che continua ossessivamente a guardarsi l’ombelico.

Giorgio torna a Bologna mercoledì 19 aprile a Bologna per ArtRockMuseum e per arrivare preparati ci siamo fatti raccontare da lui una playlist di pezzi che gli piacciono, alcuni dei quali hanno segnato il suo stile. Godetevela.

The Flaming LipsThe Spiderbite Song
Un pezzo stupendo con un arrangiamento speciale, una canzone d’amore per un amico.

______________________

Arthur RussellGet Around To It
Sono innamorato di Arthur Russell, e questo è uno dei miei pezzi preferiti.

______________________

Paolo ConteLa Ricostruzione Del Mocambo
Semplice, ironico e mesto.

______________________

Robert WyattMuddy Mouse (c) which in turn leads to Muddy Mouth
Il più bel solo di voce di sempre.

______________________

Joao DonatoLugar Comum(versione album “Lugar Comum” 1975)
La mia canzone preferita degli ultimi mesi.

______________________

Piero CiampiIn Un Palazzo Di Giustizia
Piero Ciampi ci racconta un divorzio, forse il suo, nel momento in cui ci si incontra davanti a un giudice per sancire formalmente la fine di un amore. Bellissimo quando dice “è tra ben diverse mura che cercavi la mia mano, che cercavo la tua mano”.

______________________

Ariel PinkLipstick
Dal disco Pom Pom, forse il suo pezzo più bello, ha qualcosa dei Righeira.

______________________

Os MutantesO Relògio
La canzone perfetta per i sonni pomeridiani quando fa caldo.

______________________

Alberto RadiusPatricia
Il mondo dovrebbe ringraziare A.R. per questa canzone.

https://www.youtube.com/watch?v=i97DuLp7NZQ

______________________

Micachu And The ShapesSea Air
Forse il progetto con il linguaggio più unico e personale dei nostri tempi, canzoni semplici, cortissime e tutte storte.