I primi film della nuova stagione di Kinodromo

Scritto da Gianmaria Concetti il 24 ottobre 2019

Ricominciano i lunedì all’insegna del cinema indipendente di Kinodromo con cinque appuntamenti al Cinema Europa e un festival di cortometraggi al Teatro San Leonardo, tra pellicole d’autore, film di finzione e documentari.

Ad inaugurare la rassegna lunedì 28 ottobre At the Matinée di Giangiacomo De Stefano, che celebra la scena punk hardcore newyorkese anni ’70 con le interviste a chi l’ha vissuta. Anche il secondo appuntamento avrà un documentario come protagonista: lunedì 4 novembre si torna in Italia, con Ragazzi di stadio, quarant’anni dopo nel quale Daniele Segre riprende la narrazione iniziata nel 1978 con Il potere dev’essere bianconero di chi fa della curva juventina la sua prima casa.
L’11 novembre La Guerra a Cuba di Renato Giugliano ci aiuta a riscoprire l’Emilia-Romagna attraverso la storia di una sparatoria durante una festa patronale in un piccolo paese della Valsamoggia: il film nasce all’interno del progetto “Tra la via Emilia e il Sud”, promosso da CEFA Onlus e Overseas e finanziato dall’Agenzia italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS).
C’è anche un omaggio alla Bologna degli anni di piombo (lunedì 18 novembre), periodo in cui la città divenne centro del mondo: tutto ciò che valeva la pena di essere ricordato avveniva all’ombra dei portici. The Batman – Vita in un paese socialista e Traumfabrik. Via Clavature 20, entrambi di Emanuele Angiuli, sono un viaggio nel tempo alla riscoperta dell’atmosfera dell’epoca, con documenti reali e di finzione.
Infine, lunedì 25 novembre,The Strange Sound of Happiness di Diego Pascal Panarello: attraverso il suono dello scacciapensieri sarà possibile partire dalla Sicilia e ritrovarsi in Siberia.

L’offerta cinematografica di Kinodromo proseguirà poi dal 28 al 30 novembre al Teatro San Leonardo. con la prima edizione di Ce l’ho Corto Film Festival, rassegna internazionale dedicata ai cortometraggi in collaborazione con Inside Porn, progetto di ricerca che si occupa di promuovere la visione di contenuti pornografici per poter creare un dibattito collettivo intorno al tema delle sessualità.
Cinque le categorie in gara: la sezione Ce l’ho Corto, dedicata a registi under 30 non ancora prodotti; sezione Internazionale, con film da oltre 30 Paesi nel Mondo; sezione Ce l’ho Porno, dedicata ai cortometraggi che indagano e affrontato la sessualità; sezione Ce l’ho Contest, con una sfida tra 15 troupe per realizzazione di un cortometraggio in 72 ore; e la Sezione Emilia-Romagna, che offrirà una tavola rotonda dove giovani registi potranno confrontarsi e ottenere suggerimenti da professionisti del settore per la realizzazione delle loro opere.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO