Vinyl

Zero qui: Beve gin gimlet

Contatti

Vinyl Piazzale Carlo Archinto,
Milano

Orari

  • lunedi 19–02
  • martedi 19–02
  • mercoledi 19–02
  • giovedi 19–02
  • venerdi 19–02
  • sabato 19–02
  • domenica 19–02

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Cucina

Prezzo

Scritto da Simone Muzza il 28 luglio 2015

“Non ti vedo, è una folla di pazzi” mi ha scritto la mia amica Lucia, il cui appartamento si affaccia su quella che può essere considerata una di quelle “piazze” della Milano-che-beve alla stregua delle Colonne, Sant’Agostino, Arco della Pace, Darsena, La Foppa/Garibaldi, “Maga Furla”, piazzale Lavater, “Chiringay”. Volevo offrirle un giro, ma lei ha preferito sbobinare un’intervista noiosissima. Peggio per lei, si è persa l’ennesima seratona del Vinyl: onesti cocktail a 5 euro anche seduti (su tutti il gimlet), buona musica rock, cameriere giovani, brave e belle, il boss che offre shot di vodka o tequila o quello-che-vuoi-tu dal terzo giro in poi e gente che si siede al tuo tavolo a parlare di filosofia, cinema e altri discorsi fradici. L’offerta “San Miguel da litro a 5 €” (sempre seduti se vuoi) non è abbastanza convincente per tutti quelli che stazionano al di fuori del Vinyl – sulla strada, in doppia-tripla fila, nel recinto di Andreas Kipar e per terra – e che preferiscono bere birre nazionali e famigliari calde, assediati da venditori ambulanti di focaccia in bicicletta e altri simpatici commercianti al dettaglio notturni. Peggio per loro, io continuo a bere gimlet. Alle 2 sono al quarto, rinuncio a Lucia e vado a farmi un giro defaticante sotto i grattacieli.