Club Déco

Zero qui: Si siede al bancone e si gode i cocktail di Salvatore

Contatti

Club Déco Via San Galdino, 5
Milano

Orari

  • lunedi 18:30–03
  • martedi chiuso
  • mercoledi 18:30–03
  • giovedi 18:30–03
  • venerdi 18:30–03
  • sabato 18:30–03
  • domenica 18:30–03

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Simone Muzza il 23 giugno 2016
Aggiornato il 30 giugno 2016

Facendo un rapido calcolo da ubriachi, solo di bottigliera – questa parola non rende l’idea, stiamo parlando di almeno 15 metri di bancone se non di più, con almeno 6 work station comode comode – sono esposti almeno 10mila euro di spiriti.
Per non parlare dell’arredamento, molto curato, in stile art déco come suggerisce il nome del locale, o forse in stile Vinicio come suggerisce il mio socio: in effetti non si sbaglia, qui una volta c’era il Cubo Longo.
Siccome al banco non c’è nessuno, decidiamo di sederci al tavolo: pessima scelta perché è proprio il bar(b)man Salvatore Scamardella l’attrazione del locale, ce ne accorgiamo non appena ci arriva una lista piena di signature cocktail belli complicati e qualche classico evergreen. E così cominciamo a sbirciarlo: si muove molte bene in effetti, si vede che è un grande appassionato, e sia il mio Boulevardier che il Kameamea del mio socio – un tiki con rum bianco, bourbon whisky, maracuja, estratto di cocco e ananas, lime spremuto, Elemakule tiki bitter), sono preparati con estrema cura e scendono giù che è un piacere, giustificando prezzi più alti della media (dai 10 euro in su) anche per la qualità delle bottiglie utilizzate e gli ingredienti home made.

 
Insomma siamo lì che ce la godiamo rilassati e felici, ma non ci siamo accorti che su un piccolo palco si stanno agitando dei ragazzini. Le prime a realizzarlo sono le nostre orecchie, distorte da una versione improbabile di ”Domenica Lunatica” di Vasco Rossi. Che c’azzecca col locale? Nulla, e infatti ce ne andiamo al volo. Non prima di aver saldato il conto e scambiato due chiacchiere coi proprietari, talmente entusiasti del progetto musicale che non siamo riusciti ad esprimere le nostre perplessità.