Geschrieben von Martina Di Iorio il 5 Juli 2019
Aggiornato il 9 Juli 2019

Chiamata la piccola Barcellona (Barceloneta) Alghero non è solamente la città dove si va in compagnia di uno straniero. Scherzi a parte, Alghero a nord ovest della Sardegna, è una città molto particolare che difficilmente non vi entrerà dentro. Dai mille volti e curiosità, non tutti sanno che la città ha conservato l’uso del catalano, di cui è un’isola linguistica e il 22,4% dei suoi abitanti lo parla nella variante algherese, riconosciuta dalla Repubblica Italiana come lingua minoritaria. Chi sceglie questo posto lo fa perché si può unire insieme l’utile e il dilettevole: cultura, nightlife, spiagge ed escursioni. Per diventare dei moderni Indiana Jones perdetevi tra i siti archeologici di età etrusca o regalate una mezza giornata per visitare i famosi nuraghi: le abitazioni di forma conica risalenti al II millennio a.c.
Ma se non siete così in forma per escursioni culturali, Alghero si può vivere tranquillamente abbandonandosi ai piacere goderecci della vita. Spiagge, vita notturna, ristoranti e locali dove vivere senza pensieri l’estate.

DOVE DIVERTIRSI e BERE BENE

Nel centro storico, tra le vie principali, sul lungomare che guarda l’infinito, Alghero regala gioie anche di notte. O al momento dell’aperitivo, quando i giovani della zona si riuniscono qui per il rito sacrosanto del tramonto. Se volete riunire queste cose in un sol colpo noi vi consigliamo di andare al Kelu Lounge Bar, sul lungomare Bousquet di Alghero. Kelu, il nome sardo che indica il cielo, è anche il nome di una luminosa stella della costellazione Hydra, la più grande ed estesa lungo la Via Lattea. Sono questi i richiami a cui si rifà Kelu Lounge Bar, dove l’ambiente è rilassato, conviviale, mai impostato, in perfetto spirito sardo. A pochi passi dal porto, venite qui il 19 luglio per vivere l’esperienza di mixology firmata Ron Botran. Ordinate un fresco Daiquiri con questo blend di rum invecchiati fino a 15 anni, distillati dal succo di canna da zucchero sottoposto a lenta fermentazione. La freschezza del Maestrale insieme al sole della sardegna vi portano su un pianeta chiamato Caraibi.

COSA MANGIARE

La paella algherese, gli spaghetti alla bottarga, il pesce cucinato in infinite versioni con alla base della piramide del buon gusto i crostacei. Alcuni addirittura dicono che le aragoste di questo mare siano le migliori del mondo, grazie ai fondali rocciosi e la salinità del Mediterraneo. Alghero, come tutta la Sardegna, vanta una tradizione gastronomica che non si può di certo esaurire in queste righe. Alcune ricette risalgono a tempi immemori, praticamente invariate fino ai giorni nostri grazie alla perseveranza e all’attaccamento per le tradizioni di questo popolo. Come la paella algherese, appunto, che ricorda l’influenza spagnola sull’isola sarda. AL posto del riso, la fregola, al quale si aggiungono frutti di mare e una grattugiata di bottarga di muggine per completare. Chiedete i tipici ravioli della zona algherese gli anzelottos, culurgiones o culingiones, con ripieno che può essere di ricotta e spinaci, di carne, di formaggio fresco con patate e menta, di ricotta e buccia d’arancia. Tornerete a casa sicuramente felici, soprattutto se concludete con i passiti a chilometro zero che qui sono fuori di testa.

Provate questi ristoranti per la migliore paella algherese

Il Pavone
P. Sulis, 3-4
Piatti di cucina sarda e cucina di mare: spaghetti ai ricci di mare, bottarga con la polpa di melanzane e paella.

Le Ninfe
Loc Pineta Mugoni, Alghero
Questa trattoria si trova su una delle più belle spiagge vicino ad Alghero. Mangiare con i piedi sulla spiaggia non ha prezzo.

GITE QUI VICINO

A chiudere il golfo di Alghero c’è un posto meraviglioso che risponde al nome di Capo Caccia. Un promontorio a picco sul mare che domina la zona e protegge idealmente Alghero. Salite fin quassù per poi scendere con una buona dose di coraggio i 600 scalini adiacenti alla roccia. Una volta arrivati in fondo, potrete entrare nelle Grotte di Nettuno, uno spettacolo della natura. Il mondo sotterraneo di questa grotta, scavata in milioni di anni dall’acqua dolce, vi lascerà sbalorditi: qui si trova il bellissimo laghetto La Marmora lungo circa 120 metri. Tutt’intorno al lago, trovate numerose colonne di stalattiti e stalagmiti che possono raggiungere anche un’altezza variabile dai 10 ai 15 metri.

Scopri il tour estivo di Botran cliccando qui.