Le focacce all’aperto: pranzo e aperitivo nel giardino della Terrazza Triennale

Caldo non ti temo: si mangia all'aperto in uno dei luoghi più belli di Milano

?????????????

Written by Martina Di Iorio il 5 June 2018
Aggiornato il 6 June 2018

Stare all’aperto è diventato imprescindibile, quando la temperatura sale e il cemento che ci circonda non è più sopportabile. Tra i luoghi più belli di Milano, dove riconciliarsi con il mondo e con la vita, c’è senz’altro il Giardino della Triennale che tra un opera di De Chirico e la vista su Parco Sempione offre un angolo di relax e evasione. La notizia che ci fa gola – in tutti i sensi – è che si parte con i pranzi e aperitivi al Caffè in Giardino, questa volta con le pizze di Cristian Marasco – servita al piano terra presso la Triennale Social Pizza. Per l’estate si trasforma in focaccia, una focaccia che – come la pizza – non vuole essere chiamata gourmet, ma focaccia “al tegame” dall’impasto ottenuto con un blend di farine italiane biologiche macinate a pietra, contenenti una percentuale di cereali, lavorato in due fasi e fatto lievitare un minimo di 24 ore. Un impasto che poi viene cotto a bassa temperatura, abbattuto e infine rigenerato in forno a temperatura alta (quindi morbido all’interno a croccante in superficie) pronto per essere condito con ingredienti stagionali.

Le nuove focacce che gusterete in Giardino sono 7, ecco alcune:
Ortolana (verdure di stagione in olio cottura, ricotta fresca, basilico fresco)
Napoli-Parma (mozzarella di bufala campana, pomodoro ciliegino, rucola selvatica, prosciutto crudo di Parma)
Tasty Vegan (antico pomodoro napoletano, caponatina di melanzane, capperi croccanti, olive taggiasche, origano e basilico)
Patata Viola e Gambero Rosso (stracciatella di burrata pugliese, gambero rosso di Sicilia, erba cipollina, chips di patata viola)
Panarea (antico pomodoro napoletano, tonno in conserva d’olio Evo, cipolla di Tropea in agrodolce, fiordilatte del Casaro, origano)

unnamed (2)

Dalle 18 alle 21.30 va in scena l’Aperitivo in Giardino: insieme ai più classici cocktail, vino, bollicine e analcolici, tutti i giorni viene servito un dry snack con olive, noccioline e pane carasau, un trancio delle focacce di Marasco e una mini-bowl di Italian Cirasci (riso Carnaroli, integrale e Basmati lavorato alla giapponese con il metodo del sushi, per poi essere condito con materie prime della cucina mediterranea o internazionale).