ven 25.10 2019 – mar 31.12 2019

Ibrahim Mahama - "Living Grains"

Dove

Fondazione Giuliani
Via Gustavo Bianchi 1, 00153 Roma

Quando

venerdì 25 ottobre 2019 – martedì 31 dicembre 2019

Quanto

free

Passeggiando questa primavera tra le strade di Milano vi sareste potuti imbattere in un opera monumentale che ha coinvolto i due caselli daziari di Porta Venezia, ricoperti da cima a fondo con un patchwork di sacchi di juta. Un’operazione che ricorda molto da vicino il lavori di Christo, ma che in realtà si discosta per diversi aspetti.

I colori sgargianti o il bianco candido, la ricerca dell’uniformità e della consonanza con il paesaggio circostanze cedono il passo alla disomogeneità, alla frizione, al colore scuro del lavoro grezzo e terrigeno, alla disuguaglianza e allo sfruttamento. Questi sacchi, cuciti assieme spesso da migranti, sono infatti realizzati a basso costo in Asia e giungono nel Ghana di Mahama per essere riempiti di cacao e poi rispediti in tutto il mondo.

Più che pensieri post coloniali quindi, una riflessione attorno a un colonialismo che non è mai finito e che in questa mostra si ripresenta sotto forma di vecchie macchine da cucire (cadaveri del Capitalismo); di lavoratori del mercato Agbogbloshie di Accra, la più grande discarica di rifiuti al mondo; di tatuaggi sulle braccia delle lavoratrici, che scrivono sulla propria pelle il nome dei propri cari e dei propri contatti in caso di incidenti gravi sul lavoro; di vecchie mappe inglesi con i tracciati della ferrovia. Un piccolo grande pugno nello stomaco.

Scritto da Nicola Gerundino