lun 07.06 2021 – ven 17.09 2021

Si Può Fare: il programma dell'estate alla Casa del Jazz

Dove

La Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina 55, 00154 Roma

Quando

lunedì 07 giugno 2021 – venerdì 17 settembre 2021
H 20:00

Quanto

ingressi vari

Contatti

Sito web

Foto di Per Kristiansen

Una strana fine di primavera quella che stiamo vivendo a Roma, con giornate fin troppo calde e serate con bruschi cambi di temperatura accompagnati da venti freddi da Occidente, ma le previsioni su Villa Osio sembrano promettere un’estate rovente, mitigata dal verde dei pini del parco. Complice l’agognata fine delle restrizioni dettate dalle misure di contenimento del Covid, la Casa del Jazz propone quest’anno un ricco calendario degno di una metropoli, con un programma che dai primi di giugno si estende a tutto settembre.

Dopo una due giorni di apertura affidata al trombone di Dino Piana e alla voce di Ada Montellanico, subito un appuntamento imperdibile con il quartetto di Michel Portal (9 giugno) che celebra gli 85 anni del clarinettista francese. Ad accompagnarlo, fra gli altri, il piano di Bojan Z e il trombone di Nils Wogram. Ma non ci sono soste e nella prima settimana abbiamo anche il duo Gianluca Petrella / Pasquale Mirra (12 giugno) e quello composto dai due Snarky Puppy Michael League e Bill Laurence (13 giugno). Dopo una settimana con i big del jazz italiano (Pieranunzi, Marcotulli, Rava, Gatto), ecco il 22 l’European Galactic Orchestra di Gabriele Morelli con, fra gli altri, Tramontana, Tilli, Hawkins, Edwards e Calcagnile e poi il 23 il tributo a Leonard Bernstein del Gabriele Coen Quintet.

Luglio inizia con il “Giornale di Bordo” di Paolo Angeli con Salis, Murgia e Drake, e continua il 5 con il Trio di Fred Hersch. E poi Antonio Sanchez il 12, il pianoforte di Michael Nyman il 13, il quartetto di Franco D’Andrea e Dave Douglas con Federica Michisanti al contrabbasso il 18, il Bill Frisell Trio il 19, i Go Go Penguin il 29. E tutto questo solo per fare qualche nome, anche se la data da segnare in agenda per noi resta quella del 26 luglio con il jazz scandinavo di Rymden, che vede il Bugge Wesseltoft di New Conception Of Jazz insieme a Magnus Öström e Dan Berglund, già compagni di avventure nell’Esbjorn Svensson Trio.

E così avanti ancora ad agosto e settembre con un calendario in continuo aggiornamento, dove non mancherà l’appuntamento fisso con “Una Striscia di Terra Feconda” (6-11 settembre), il festival franco italiano che, oltre al ritorno della nostra Michisanti, vedrà sfilare nomi quali Louis Sclavis, Erik Truffaz, Nguyen-Le e Daniele Roccato. Quest’estate ci accampiamo al parco?

Scritto da Carlo Cimmino