sab 10.06 2017

OOOM Festival Vol. II

Dove

Santeria (Toscana, 31)
Viale Toscana 31, Milano

Quando

sabato 10 giugno 2017
H 20:00 - 03:00

Quanto

€ 18/16 + d.p.

«Accenditi, sintonizzati, abbandonati», diceva Timothy Leary. Il teorico dell’esperienza psichedelica, sostenitore dei viaggi verso nuovi reami di coscienza mediante l’uso di psilocibina e co., raccomandava però di non approcciare il consumo di acido lisergico se non adeguatamente preparati ad «andare fuori di testa». Per iniziati e non, ecco che in nostro aiuto torna l’esperienza sonico-sensoriale di OOOM Festival, letteralmente “Out Of Our Minds”. Geograficamente parlando, la traiettoria della sua seconda edizione è quella sull’asse Santiago del Cile / New York / Berlino, con una sosta lungo la via che unisce Torino con l’Emilia. Si sfiorano le stelle in sella al motorik ai limiti della techno dei Föllakzoid, il cui ultimo album III usciva con una copertina dorata in omaggio al Voyager Golden Record (sparato nello spazio nel 1977 nell’ambito del Programma Voyager), e la cui più recente uscita è nientepopodimeno che un EP a otto mani con J Spaceman. Si vanno a scomodare gli dei dell’Olimpo psych con il duo più deviato e trasgressivo di casa Thrill Jockey – quello composto da Dave W. ed Ego Sensation, noto ai comuni mortali con il nome White Hills e in procinto di pubblicare il nuovo album Stop Mute Defeat. Ci si lascia guidare dallo space rock siderale degli In Zaire verso nuove visioni futuriste, post-industrali e “percussive-progressive” di psichedelia, con uno dei potenziali migliori live che potreste vedere in questa stagione (il quartetto ha finalmente licenziato il suo secondo album, Visions of the Age to Come). E poi l’altra faccia dell’esplorazione, quella interiore, con la chitarra magica e onirica di Paolo Spaccamonti e il post rock luminescente dei Valerian Swing (giunti al quarto album con Nights). «Turn on, tune in, drop out».

Chiara Colli

Per arrivare preparati al secondo appuntamento di OOOM Festival, abbiamo chiesto agli IN ZAIRE di preparare una playlist psichedelica adeguata all’appuntamento. Buon ascolto e buono sviaggio

Scritto da La Redazione