Possiamo affermare con una minima percentuale di errore che il 2015 ha finalmente sancito l’ingresso di Roma nel mondo della miscelazione che conta. Anche se la parola d’ordine continua ad essere Moscow Mule, anche se al vodka tonic o al Long Island da “all in” per mettere benzina in corpo ancora non si rinuncia. Barman preparati, clienti che si fidano o comunque hanno imparato a scegliere anche altro rispetto ai tradizionali long drink, sempre meno lavagnette con su scritto Mojito con due palme disegnate a fianco. Continuano ad aprire anche enoteche e piccoli/grandi templi della birra artigianale, ma che Roma primeggiasse in queste due categorie lo si sapeva già. Ecco allora 11 nuovi indirizzi che hanno aperto quest’anno, che si sono meritati ogni (nostra) singola fitta al fegato.

Come al solito, una playlist da leggere col sorriso sulle labbra.