Eurojolly

Zero qui: Grida al miracolo!

Categorie Bar Cocktail bar

Contatti

Eurojolly Corso Cristoforo Colombo, 13
Milano

Orari

  • lunedi 10–02
  • martedi 10–02
  • mercoledi 10–02
  • giovedi 10–02
  • venerdi 10–02
  • sabato 10–02
  • domenica 10–02

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Se Max Pezzali fosse nostro amico lo porteremmo sicuramente all’Eurojolly. Chissà se si è ispirato a questo posto per il suo album Jolly Blu, che prende spunto dai tipici bar di quartiere, quelli dove ci trovi dentro quei personaggi inenarrabili e dai contorni epici. Eurojolly si trova in Porta Genova, ed è il paradiso dei giocatori di biliardo. Aperto nel 1991 è la Mecca di tutti coloro che non riescono a star lontani da bocce e tavoli verdi. E a ben vedere. Qui ce ne sono 25 ed è la sala più grande di tutta la Lombardia: 17 tavoli con le sponde per il biliardo all’americana e 8 per giocare a biliardo all’italiana. Ad accoglierti trovi un bar old school, con una cocktail list che sembra provenire direttamente dai ruggenti anni 80, ma anche 90. Dolciate dal colore fluo e litrate di succo d’ananas e altre simpatiche trovate tropicali in ogni drink. Anche i nomi non mentono: Adiosss, Adios Mother, Affinity Orange, Blu Margarita, sono solo delle piccole preview che possono darvi una buona visione del tutto. Forse meglio farsi un whiskey liscio e addentrarsi nella sala biliardo, che sorge dietro il bar. Una distesa di tavoli e pareti attrezzate con stecche, punteggi elettronici e un telefono per farsi portare da bere e da mangiare direttamente al tavolo. L’età media è alta, anche se oggi c’è poca gente: degli spagnoli, alcuni tavoli femminili, un papà che gioca con il figlio. Non c’è biliardo che si rispetti senza un giocatore anziano a controllare una partita in corso. Un po’ come con i cantieri. Ecco che conosciamo Pino, che però è sulla sedia a rotelle e ci dice che purtroppo non riesce più a giocare. Scambia il mio collega Zagor per un attore comico. In effetti a volte, solo a volte, può essere molto divertente. Scambiamo consigli, tecniche da adottare, ci spiega le regole e ci fa notare gli errori dei tavoli affianco. Fino a che Pino, miracolo, non si alza in piede e tira di stecca. Gridiamo al miracolo. Miracolo all’Eurojolly.