Giardini Sarvognan

Zero qui: fa un picnic in primavera

Contatti

Giardini Sarvognan Calle Pesaro (Cannaregio), 427
Venezia

Orari

  • lunedi 08:30–20:30
  • martedi 08:30–20:30
  • mercoledi 08:30–20:30
  • giovedi 08:30–20:30
  • venerdi 08:30–20:30
  • sabato 08:30–20:30
  • domenica 08:30–20:30

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Scritto da Johann Merrich il 17 marzo 2019
Aggiornato il 19 marzo 2019

I giardini Savorgnan si sono trasformati nell’arco dei secoli iniziando il loro percorso con la fondazione di Palazzo Savorgnan, nobile palazzo costruito dall’architetto Sardi sul finire del Seicento a Cannaregio, nei pressi di San Geremia. Agilmente raggiungibili con una breve passeggiata dalla stazione ferroviaria verso Lista di Spagna, i giardini comunali si affacciano sull’omonima fondamenta, a pochi passi dal Ponte delle Guglie. Lo spazio verde originario, progettato con ampi tappeti erbosi, fu ampliato nel 1750 e decorato con statue, vasi di agrumi, piantumazioni di aceri, tigli e ippocastani. La forma attuale si deve in parte alla sistemazione in stile inglese del 1826, operata per volontà del barone Francesco Galvagna, tra gli ultimi proprietari del palazzo: a questa fase di sviluppo si devono l’espansione sino a Calle della Misericordia e l’aggiunta di collinette sfalsate, oggi scomparse. Tra gli elementi antichi ancora presenti: una vera da pozzo, un’edicola e delle mensole in pietra d’Istria visibili in calle Riello, tracce della serra che doveva ospitare le piante esotiche nelle fasi di acclimatamento e proteggere le specie più delicate dagli sferzanti venti invernali.