Superfluo

Contatti

Superfluo Via Francesco Reina, 9
Milano

Avviene tutto su una vetrina: Superfluo sorge all’interno di un’ex attività commerciale, i cui vetri sono stati sabbiati lasciando un quadrato di 50×50 cm che affaccia sulla strada. Quella di mostrare un’unica opera in una vetrina visibile solamente dalla strada è una tendenza che avevamo iniziato a vedere qua e là nel periodo subito dopo il lockdown, per evitare i contagi all’interno di uno spazio espositivo al chiuso (era successo a Le Dictateur, e in maniera simile nella nuova galleria Massimo De Carlo a Parigi senza dimenticare esperienze pionieristiche come Edicola Notte dell’artista H. H. Lim a Roma). Il nuovo progetto, però, intende porsi come un canale di promozione per artisti e creativi emergenti che aprono una mostra in un’altra città, ad esempio, oppure per lanciare iniziative legate all’ambito musicale, alla moda o al design.