Pisacco

Chiuso definitivamente

Foto di SANTI CALECA

Contatti

Pisacco Via Solferino, 48
Milano

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 14 maggio 2019

In tempi di magra, la sfida di ogni ristorante di successo è quella di vantare un ottimo rapporto qualità/prezzo. Da Pisacco, nonostante le eccellenti materie prime – basti pensare ai pistilli di zafferano usati per cucinare il risotto alla milanese con ragù di vitello – e la buona esecuzione – gli spaghetti con pomodoro, basilico e crema di bufala sono già un classico -, è difficile che il conto superi i 35/40 euro a persona, bevande escluse – a proposito, avete provato il mini martini a 5 euro per ingannare l’attesa, servito con le mandorle tostate in casa? Cucina italiana, dunque: essenziale perché, più che a stupire, punta a soddisfare il cliente, con un menu che presenta solo 3/4 piatti per portata, ma ben studiati. Ottimi gli antipasti vegetariani tra i quali segnaliamo le puntarelle con condimento al cioccolato, formaggi sfiziosi, ventresca di tonno, acciughe di qualità insuperabile. Da segnalare la proposta del pranzo (#ilpranzodeicuochi): piatto del giorno – da proposte apparentemente semplici come gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, a piatti elaborati come crema di riso, cozze, riso soffiato e bottarga, oppure ombrina alla plancia, pastinaca, frutto della passione, capperi e olio al nero di seppia, acqua, mezzo bicchiere di vino (etichette di piccoli produttori, per lo più “naturali”) o caffè a 12 euro. Se prenotate (meglio), chiedete un tavolo al piano superiore.

Molti ci vanno solo per il gusto di mangiare circondati da strabilianti opere d’arte dalla collezione del proprietario.