Al Turacciolo

Zero qui: beve vino a Centocelle.

Contatti

Al Turacciolo Via Tor dè Schiavi, 126
Roma

Orari

  • lunedi 18–02
  • martedi 18–02
  • mercoledi 18–02
  • giovedi 18–02
  • venerdi 18–02
  • sabato 18–02
  • domenica 18–02

Si prega di verificare sempre
l'attendibilità delle informazioni fornite.

Prezzo

Scritto da Arrigo Razzini il 27 maggio 2015
Aggiornato il 17 luglio 2017

Fosse un romanzo classico, ci sarebbe un antefatto tra le vigne laziali – Pallavicini, Tenuta Le Quinte, Cantine del Tufaio – con una mano maschile a lavorare la terra e curare la vite. Quella del papà di Monia, proprietaria del Turacciolo, come a dire che la passione per il vino è una “malattia” ereditaria. Un paragrafo dell’antefatto ci porterebbe, qualche km più in là, in Abruzzo, tra il piccolo vitigno di famiglia di Paolo, che ora è responsabile della cantina. I capitoli ambientati nel presente ci raccontano di un’enoteca di Centocelle che non ha di che essere invidiosa rispetto a quelle del centro con gli avvocati all’aperitivo. Bancone in legno con di fianco lo scrigno contenente salumi, formaggi, mozzarelle, porchetta e altri prodotti laziali – si affidano spesso a Proloco Dol -, poi tavolini tondi da quattro o da due. Offerta che punta principalmente al vino, ma che non trascura la birra; i consigli della casa: «Bollicine Metodo Classico che non mancano mai alla mescita, quindi Monsupello e d’Araprì su tutte, prosecco di Bele Casel e Il Gelso Nero/Oro di Podere 29».